“Abbiamo sconfitto la povertà”: il grido raggiante del presidente

Un annuncio importante visto il periodo attuale. Con questo piano 10 milioni di persone l’anno saranno sottratte alla povertà estrema 

Povertà
Fonte Pixabay

La lotta alla povertà deve essere un imperativo comune per i paesi di tutto il mondo. In tal senso c’è chi si è già portato molto più avanti come ad esempio la Cina, che ha annunciato il successo ottenuto nell’eliminazione della povertà estrema.

A dichiararlo all’intero pianeta è stato il presidente della Repubblica Xi Jinping durante la cerimonia tenutasi presso la Grande sala del popolo. La chiusura di un cerchio di un lavoro che ha radici profonde. Iniziato 8 anni fa con la sua elezione da parte dall’Assemblea nazionale del popolo con l’intento di migliorare il benessere delle persone, oggi si può dire che ci è finalmente riuscito.

LEGGI ANCHE >>> In Italia è allarme povertà: il dato di Coldiretti che preoccupa le famiglie

LEGGI ANCHE >>> Povertà, indici stabili ma a rischio: il quadro dell’Istat preoccupa le famiglie

Il piano che ha permesso alla Cina di sconfiggere la povertà

Sono stati investiti circa 1600 miliardi di yuan (al cambio corrispondono a246 miliardi di dollari) nella campagna ad hoc del 18esimo congresso del Partito comunista cinese. Ogni anno sono state portate fuori dalla soglia della povertà oltre 10 milioni di persone per un totale di quasi 100 milioni. 

I numerosi villaggi e contee che versavano in condizioni di enorme difficoltà sono stati ufficialmente rimossi dalla lista dei posti ad alto tasso di indigenza. In generale negli ultimi 40 anni, da quando il paese si è aperto all’estero più di 770 milioni di persone sono state salvate dalla povertà. Ciò ha comportato una riduzione a livello mondiale del 70% anticipando ciò che richiede l’Onu in vista del 2030.

Un passo che consentirà di costruirà una società moderna e prosperosa in quelle aree di campagna che sembravano dimenticate ed abbandonate a se stesse. Per rendere più chiara la situazione per povertà rurale estrema la Cina intende un reddito pro capite inferiore ai 4.000 yen all’anno (circa 620 dollari) e di 1,52 dollari al giorno. Numeri più bassi da quelli stabiliti dalla Banca Mondiale che attesta l’indice di povertà al di sotto di 1,90 dollari per una singola giornata.