Reddito di Cittadinanza, stop a marzo: i motivi e cosa fare

La rata di febbraio 2021 del Reddito di Cittadinanza potrebbe essere l’ultima per molti percettori. Le motivazioni che si celano dietro questa possibilità 

reddito cittadinanza
adobestock

Il Reddito di Cittadinanza è sempre stato un po’ il pomo della discordia dei dibattiti politici degli ultimi anni. In alcune circostanze è stato sicuramente strumentalizzato solo per creare asti e malumori.

È innegabile però che nonostante non abbia funzionato a dovere, il sussidio abbia dato respiro in questa lunga fase caratterizzata dalla pandemia. In molti tremano già all’idea che il nuovo governo possa abolirlo, ma al momento tutto tace e non sembrano esserci novità clamorose all’orizzonte.

Di sicuro c’è che per alcuni percettori, febbraio 2021 potrebbe essere l’ultimo mese di erogazione del Reddito di Cittadinanza. Andiamo a vedere il perché di questa drastica ipotesi.

LEGGI ANCHE >>> Governo Draghi, bonus e reddito di cittadinanza: un futuro da riscrivere

LEGGI ANCHE >>> Reddito di Cittadinanza: quali spese non sono concesse

Reddito di Cittadinanza, le ragioni della sospensione di marzo

Chi ha iniziato a riscuotere l’ammortizzare sociale nel settembre 2019, a febbraio 2021 entra ufficialmente nel suo ultimo mese. Infatti secondo la prassi si può beneficiare del sostegno per 18 mesi consecutivi, dopo di che è necessario un mese di stop nel quale si deve ripresentare la domanda online all’Inps (valida per altri 18 mesi). In alternativa ci si può avvalere dei classici intermediari come CAF o patronati. 

Qualora sussistano ancora i requisiti, la prima ricarica del nuovo ciclo avverrà il 15 aprile 2021, mentre le successive il 27 di ogni mese. Vengono inoltri ridefiniti i parametri relativi alle offerte di lavoro che vengono proposte.

Altro tassello fondamentale ai fini della buona riuscita dell’operazione è la presentazione del modello ISEE aggiornato. Fino a quando non verrà fatto il pagamento sarà congelato. È fondamentale per l’Istituto di previdenza sociale per verificare se la situazione reddituale è in linea con i requisiti richiesti per poter ottenere il Reddito di Cittadinanza. Delle variazioni in tal senso potrebbero comportare la perdita di un RDC.