Cos’è l’addebito di separazione e soprattutto cosa c’entra col fingersi single sui social? Beh le due cose possono essere unite

Social (Fonte foto: web)

Fingersi single sui social è un rischio che ci assumiamo sin dal primo momento. Non solo perché il partner potrebbe scoprirci, ma anche per le possibili conseguenze: non conviene per niente. Nascondere la propria moglie o il marito non sarà più la stessa cosa, grazie alla sentenza del Tribunale di Palmi.

Infatti, chi tenterà delle nuove conoscenze sui social, omettendo in tutto e per tutto di avere la moglie/ il marito, rischia non solo di far arrabbiare la persona conquistata, se ci scoprisse, ma anche di dover pagare l’addebito della separazione.

I giudici della cittadina calabrese, si sono espressi su un caso dove una donna richiedeva la separazione perché il marito non mostrava più interesse nei suoi confronti, premiando uscite notturne e l’uso del cellulare. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la scoperta della donna, sul profilo Facebook del marito, che così si descriveva: Sono single e mi piacciono le donne“.

Leggi anche>>> Pensione di reversibilità: cosa succede di fronte ad un nuovo matrimonio

Leggi anche>>> Sospetti di tradimento? Grazie a Whatsapp potrete scoprire la verità

Quanto costa, fingersi single sui social

Una volta terminato l’amore ed anche la convivenza tra i due, ai giudici è restato solo da decidere a chi dare effettivamente la colpa e quindi, a chi addebitare il famoso addebito della separazione. Secondo una sentenza della Cassazione del 2017, “nell’ambito di un giudizio di separazione di colpa non sono rilevanti esclusivamente le relazioni extraconiugali in senso stretto ma anche quei comportamenti univocamente a ciò indirizzati che possano giustificare da soli la lesione della dignità e dell’onore dell’altro coniuge”.

In sostanza, per definirsi traditore non c’è bisogno di finire nel letto della terza persona, ma basta l’intento di arrivare a ciò. E così i giudici palmesi hanno scritto che: “la circostanza relativa al profilo Facebook nella parte in cui, in un periodo in cui vi era ancora coesione familiare, si è definito single con l’annotazione “mi piacciono le donne””.

Quindi, scrivendo di essere single e sottolineando i suoi gusti, l’uomo ha praticamente lasciato nel dimenticatoio il patto di lealtà e fiducia previsto dalla sua unione con la coniuge. Basta questo quindi, a ricevere pure l’addebito finale dei costi di separazione.