Pensione di reversibilità: cosa succede di fronte ad un nuovo matrimonio

Coniuge in vita e pensione di reversibilità, in tanti si chiedono come funziona la fruizione, se ci si risposa

Pensione di reversibilità: cosa succede di fronte ad un nuovo matrimonio
Torta nunziale (Fonte foto: Pixabay)

La pensione di reversibilità, spetta di diritto al coniuge che resta in vita. Se questo si risposa, il vedovo o la vedova, perde questo speciale trattamento previdenziale che appartenevano ad un accordo precedente.

In poche parole, non si ha più il diritto di corrispondere la pensione di reversibilità, qualora si vada ad affrontare un nuovo matrimonio. Questa infatti, risulterà revocata. Nel momento in cui si convola a nuove nozze, al titolare della pensione, verrà corrisposta soltanto un’indennità “una tantum”, corrispondente alla pensione di reversibilità spettante per due annualità comprensive di tredicesima.

Leggi anche>>> Trasferire il conto corrente ad un’altra banca: quanto ci costa l’operazione

Leggi anche>>> Assegno o rendita alle casalinghe anche se non assicurate? Risponde l’Inail

La pensione di reversibilità ed il nuovo matrimonio

Nel caso dell’indennità corrisposta una tantum, non avremo bisogno di alcuna comunicazione all’Inps, qualora decidessimo di convolare di nuovo a nozze, essendo vedovi. Bisogna sapere che, al momento del matrimonio, ci spetteranno 26 mensilità di pensione di reversibilità (la somma percepita al momento del nuovo matrimonio). Esse, saranno liquidate in una soluzione unica.

Cosa succede se la cattiva sorte, ci fa diventare vedovi per la seconda volta: qui, in ogni caso, spetta l’indennizzo di reversibilità del nuovo matrimonio. Da tenere ben presente, in questo caso, una variante importantissima. E cioè, che se il coniuge defunto è divorziato, una quota della pensione potrebbe spettare all’ex moglie/marito, sempre che questo/a sia titolare di assegno divorzile.

Quindi, non ci sono particolari procedure in caso di seconda volta in cui si resta vedovi, per questo tipo di pensione. Entrambi, iter burocratico di richiesta e diritto per il coniuge superstite delle nozze, restano invariati in tutto e per tutto. Di fatto, la nuova forma di reversibilità non viene ostacolata da nulla, visto che la prima, era stata sospesa con il convolo a nuove nozze.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base