Tra i vari modi per capire se abbiamo il telefono sotto controllo ne esiste uno molto pratico e veloce. Vediamo di cosa si tratta senza però tralasciare gli altri

Telefono sotto controllo
Fonte foto: web

Capita ad ognuno di noi di avere quella percezione periodica di avere il telefono sotto controllo o di essere vittime di un software di spionaggio. 

Nella maggior parte dei casi si tratta di mere congetture mentali basate su qualche piccolo segnale distorto del proprio dispositivo. In altri invece si pensa di essere costantemente perseguitati e ciò può portare a vere e proprie paranoie.

Naturalmente non è da escludere l’ipotesi che tutto ciò sia reale, ma prima di poterlo affermare con certezza bisogna appurarlo per bene ed approfonditamente. Una tecnica efficace è quella di digitare sulla propria tastiera *#21#. In caso di risposta positiva è bene comporre lo *#62# per scoprire verso quale numero sono avvenute le deviazioni di chiamata.

Per chi ha un smartphone Android grazie al codice *#*#4636#*#* può scoprire tutto sul numero di cellulare e gli strumenti utilizzati. Delle informazione decisamente utili, ma al contempo da utilizzare con criterio.

LEGGI ANCHE >>> Lascia il cellulare al figlio di 7 anni: carta di credito svuotata

LEGGI ANCHE >>> Servizi attivi non richiesti sul nostro cellulare: come accorgersene

Telefono sotto controllo: gli altri segnali che ci aiutano a comprenderlo

I codici però sono delle innovazioni piuttosto recenti, esistono infatti anche altre metodologie leggermente più datate. O meglio, prestando attenzione ad alcuni aspetti si può avere un riscontro piuttosto fondato sul controllo del proprio cellulare.

Ad esempio la ricezione di strani sms dopo aver spostato la sim in un altro cellulare per alcune ore o la comparsa di numeri sconosciuti quando si controlla il credito telefonico. 

La durata della batteria può dare una mano. Qualora diminuisca notevolmente può significare che qualcuno ci stia spiando. Al giorno d’oggi però questo particolare va preso con le pinze. Essendo totalmente schiavi dei telefoni, nella maggior parte dei casi è più che normale che si scarichino subito. Bisognerebbe prendere come cavia qualcuno dei pochi utenti che abbia ancora un cellulare di vecchia generazione (compito alquanto arduo).

Suoni strani, display che si accende nonostante non sia in arrivo nessuna chiamata, credito che si esaurisce velocemente e ovviamente rumori che disturbano la linea mentre siamo in chiamata possono essere altri campanelli d’allarme. Ad ogni modo quando il dubbio persiste contattare le forze dell’ordine è senz’altro cosa buona e giusta. Solo con il loro intervento può essere fugato qualsiasi tipo di dubbio.