Bonus 100 euro, come funziona e a chi spetta: cosa c’è da sapere

Grazie alla Legge di Bilancio 2021 è stata ampliata la platea dei beneficiari del bonus 100 euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo chi ne ha diritto e come ottenerlo.

Bonus Fake
Fonte Pixabay

A cause dell’emergenza Covd il precedente esecutivo ha deciso di adottare una serie di misure volte a contrastare la diffusione del virus. Una situazione che ha avuto, purtroppo, notevoli conseguenze non solo dal punto di vista sociale, ma anche economico. Molti imprenditori, infatti, hanno dovuto chiudere, o quantomeno sospendere, la propria attività, con molti lavoratori che hanno perso, senza alcuna colpa, il proprio posto di lavoro.

Proprio in questo contesto si inserisce il bonus 100 euro. Grazie alla legge di Bilancio 2021, infatti, tale misura è stata estesa a una platea più ampia di beneficiari che, a partire dal prossimo 23 febbraio, potranno usufruire di tale sussidio. Noto anche come bonus Inps, entriamo quindi nei dettagli e vediamo in cosa consiste, chi ne ha diritto e come ottenerlo.

LEGGI ANCHE >>> Manovra 2021, in arrivo 1000 euro a famiglia: cosa c’è da sapere

LEGGI ANCHE >>> Manovra 2021, pioggia di emendamenti e mini bonus: cosa c’è da sapere

Bonus 100 euro, come funziona e a chi spetta: occhio ai requisiti

Bonus 100 euro in busta paga: ecco a chi spetta a febbraio
Euro 100 (Fonte foto: Pixabay)

La legge di Bilancio 2021 ha ampliato la platea dei possibili beneficiari del bonus 100. Avranno diritto a tale misura, infatti, anche i soggetti che percepiscono la nuova assicurazione sociale per l’impiego, meglio nota come Naspi. Si tratta, in pratica, di tutte quelle persone che hanno perso il posto di lavoro per cause non riconducibili alla propria volontà, come ad esempio il coronavirus. Al fine di poter beneficiare di tale bonus, ricordiamo, non bisogna presentare alcuna richiesta. Sarà infatti l’Inps, a partire dal prossimo 23 febbraio, ad accreditare direttamente sul conto dei soggetti interessati tale forma di sostegno al reddito.

Oltre ai lavoratori subordinati che hanno perso il lavoro, tale misura è rivolta anche ai dipendenti degli enti pubblici a tempo determinato e ai contribuenti in regime forfettario. Ma non solo, bisogna sapere che pur chiamandosi bonus 100 euro, non tutti avranno diritto a tale importo per intero. Il valore, infatti, varia in base al reddito del soggetto richiedente. Entrando nei dettagli, quindi, avremo:

  • 100 euro per redditi tra 26.600 euro e 28 mila euro;
  • fino a 80 euro al mese, in presenza di redditi tra 28 mila euro e 35 mila euro;
  • meno di 80 euro al mese per redditi tra 35 mila e 40 mila euro.