Nell’ultima manovra finanziaria è stato inserito un nuovo bonus grazie al quale le famiglie potranno ricevere 1000 euro. Entriamo nei dettagli e vediamo come e quando è possibile richiederlo.

Bonus 1000 euro
Fonte: Pixabay

In seguito all’emergenza covid il governo ha adottato una serie di misure restrittive volte a contrastare la diffusione del virus. Numerosi, purtroppo, i settori interessati dall’impatto negativo di questa situazione, non solo dal punto di vista sociale, ma anche economico, con l’esecutivo che ha deciso di approvare varie forme di aiuto a sostegno dei settori maggiormente colpiti.

Grazie all’ultima manovra finanziaria, ad esempio, si sta lavorando per varare un pacchetto da circa 45 milioni di euro che dovranno essere utilizzati al fine di aiutare famiglie e imprese. A partire dal bonus rottamazione, passando per l’ormai noto bonus take away, fino ad arrivare al cosiddetto anno bianco per le partite IVA, d’altronde, sono varie le misure in ballo. Ma non solo, è stato approvato anche un nuovo bonus, grazie al quale le famiglie potranno ricevere 1000 euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come e quando è possibile richiedere tale somma.

LEGGI ANCHE >>> Bonus 1000 euro: Inps proroga il termine per la domanda

LEGGI ANCHE >>> A chi spetta il Bonus Covid 1000 euro? Le categorie interessate e come richiederlo

Manovra 2021, 1000 euro a famiglia per sostituire sanitari e rubinetti

Bonus idrico 1000 euro
Fonte: Pixabay

Con la muova manovra finanziaria l’esecutivo ha approvato il cosiddetto bonus idrico da 1000 euro. Come è facilmente intuibile dal nome, si tratta di una forma di sostegno a tutte quelle famiglie che decideranno di sostituire rubinetti e vecchie docce, riuscendo in questo modo a limitare il consumo dell’acqua e abbassare anche il prezzo sulla bolletta.

Ben 20 milioni della manovra finanziaria sono destinati alle famiglie al fine di sostituire i sanitari vecchi con quelli nuovi a scarico ridotto. Ma non solo, sarà possibile sostituire anche tutti i vari soffioni. In particolare, per avere diritto a tale agevolazione, il flusso d’acqua del soffione doccia deve avere una portata uguale o inferiore ai 9 litri al minuto, mentre i dispositivi di controllo pari a 6 litri.

Oltre ai soffioni doccia o rubinetti, è stato approvato uno sconto del 50% sul pagamento delle tasse allo Stato per l’acquisto e l’installazione di sistemi che filtrano l’acqua del rubinetto. In questo caso sono previsti 1000 euro per le famiglie e 5000 mila euro per gli esercizi pubblici. Al momento non vi sono ancora informazioni dettagliate in merito. Si resta quindi in attesa dei comunicazioni da parte del Ministero dell’Ambiente per quanto concerne la procedura da seguire per presentare l’apposita domanda.