Palestra domestica, pochi consigli per fare sport con 100 euro

Fare sport dentro casa, soprattutto durante il lockdown, è diventato una necessità. Ma è possibile sostituire una palestra nell’ambiente domestico?

Palestra
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Se c’è una cosa la pandemia ha colpito in modo particolarmente violento è il settore dello sport e dell’attività fisica nei centri sportivi, palestre e piscine varie. Non è un mistero che tali attività, soprattutto a livello amatoriale, abbiano vissuto un periodo incredibilmente difficile e che continuano a viverlo, nella logica delle restrizioni che non consente a questi luoghi di riaprire a tempo pieno. Né, al contempo, di riuscire a garantire quel minimo di attività che potrebbe permettergli di sopravvivere.

Ecco, quindi, che la situazione diventa abbastanza complessa. Da un lato per gli esercenti, con gli impianti chiusi e tutte le derivate difficoltà nello sbarcare il lunario e nello stare in regola con le scadenze varie, dall’altra il cittadino, costretto a reinventarsi (soprattutto durante il lockdown) i sistemi per fare sport. Dentro casa.

Il problema è che lavorare in casa, in senso sportivo, può davvero essere complicato. Per questione di spazi nelle case più piccole, per tante altre ragioni in quelle più grandi. I fattori sono molti, le circostanze fortuite pressoché infinite e, a questo, va aggiunto che non tutti sono in grado di piazzare dentro casa un attrezzo sportivo. Per i costi molte volte, ma anche per gli spazi. Ed ecco che un bilanciere, piuttosto che una cyclette, diventano strumenti troppo ingombranti, sia in termini di prezzi che di volume.

LEGGI ANCHE >>> Vi regalano la frutta e vi scippano il portafogli: attenzione

LEGGI ANCHE >>> Superbonus e bonifico parlante: l’Agenzia delle Entrate scioglie i dubbi

Palestra domestica: aree corporee e strumenti specifici

Eppure non tutti sanno che, qualora si riesca a ovviare il secondo dei problemi, ovvero quello dello spazio, esistono dei metodi per riuscire a fare ginnastica dentro casa senza dover per forza investire cifre esorbitanti. Ragionando per aree corporee infatti, ossia focalizzando attenzione e spesa su determinate parti del nostro fisico, si potrà individuare un tris di attrezzi giusti e a buon mercato.

Le parallele per il petto ad esempio, acquistabili a circa 40 euro nelle loro versioni più economiche. E ancora la sbarra per trazioni, i cui prezzi possono partire anche da meno di 20 euro consentendo di esercitare il dorso del nostro corpo a costi contenuti. Infine qualcosa per le gambe magari: le bande fitness, ossia gli elastici, acquistabili a 9 euro. In totale, meno di 100 euro e la possibilità di fare esercizio perlomeno similmente a quanto si farebbe in palestra. Certo, sarebbe bello piazzare un bilanciere dentro casa. Ma in quel caso si avrebbe un solo attrezzo al prezzo di tre. Conviene?