Cosa fare quando l’inquilino non va via in seguito allo sfratto

In alcuni casi l’inquilino anche dopo lo sfratto disposto dal giudice non ne vuole sapere di lasciare la casa. Ecco come ci si può tutelare in queste circostanze 

Casa
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Una delle controversie più classiche inerenti all’affitto di casa e quando l’inquilino decide di non lasciare l’appartamento nemmeno dopo lo sfratto.

Naturalmente il proprietario deve in qualche modo tutelarsi e agire di conseguenza per far si che ciò che è stato stabilito dal giudice venga eseguito nel minor tempo possibile e magari senza eccessivi strascichi.

Ad onor del vero non ci sono troppe alternative. La strada da seguire è una sola, nella fattispecie il procedimento di esecuzione nei confronti dell’inquilino. Trattasi di una prassi che serve a realizzare con lo sfratto con la forza.

LEGGI ANCHE >>> Il figlio acquista casa? Ecco come funzionano le donazioni di mamma e papà

LEGGI ANCHE >>> Perde la casa in un incendio ma la fortuna lo ripaga: vince un milione!

Casa: come ci si può tutelare nel caso l’inquilino non va via dopo lo sfratto

Dunque il proprietario tramite il suo avvocato fa notificare all’affittuario la sua intenzione di procedere in maniera coattiva. Se dopo 10 giorni l’inquilino non è ancora andato via, si procede con il “brutale” metodo. In questo caso le forze dell’ordine preposte allo sgombero dell’immobile sono incaricate direttamente dagli Uffici Giudiziari.

Così di primo impatto sembrerebbe tutto molto facile. Purtroppo le tempistiche nel nostro paese sono una pecca a 360°. Spesso in queste circostanze si accumulano gravi ritardi che rischiano di danneggiare l’affittante. La Polizia infatti avendo molteplici impegni inserisce questa pratica appena ha uno spiraglio libero e non sempre questo può avvenire in tempi rapidi.

Quando arriverà il tanto atteso giorno, il proprietario oltre che delle forze dell’ordine deve avvalersi anche di un fabbro, che cambi immediatamente la serratura. Una misura di sicurezza per evitare spiacevoli sorprese future.

Dal canto suo l’inquilino deve portare via con sé tutte le cose di sua proprietà e lasciare la casa nelle medesime condizioni in cui era al momento in cui è stata presa in affitto.