Intesa San Paolo apre ai giovani: a disposizione nuovi 3500 posti di lavoro

In virtù di un accordo sindacale che prevede l’uscita di diversi dipendenti, Intesa San Paolo è pronta ad assumere 3500 nuovi dipendenti

Intesa Sanpaolo

In un periodo decisamente poco prolifico per quanto concerne la ricerca del lavoro venire a conoscenza di assunzioni di massa da parte di gruppi di un certo rilievo dà nuova linfa ai giovani.

Stavolta è il turno di Intesa San Paolo che grazie ad un accordo sindacale per l’uscita di 7200 dipendenti, ne assumerà 3500 entro il 2024. Un giusto compromesso per permettere il pensionamento o il fondo solidarietà a chi dopo anni di lavoro vuole godersi la quiescenza e per favorire l’ingresso di nuove leve, che vogliono mettersi in gioco, sperando nel tanto sospirato “posto fisso”.

LEGGI ANCHE >>> Cuba cambia veste: dopo sessant’anni i giovani cercano lavoro

LEGGI ANCHE >>> Amazon, arrivano in Italia due nuovi centri e 1.100 posti di lavoro

Intesa San Paolo, nuove assunzioni: i profili ricercati

Uno degli obiettivi più ambiziosi è quello di assumere giovani diplomati o laureati in base al livello di carriera entro il 2024. Dunque, spazio a coloro che hanno concluso un percorso di studi in economia e commercio, economia aziendale, economia bancaria, marketing, giurisprudenza, finanza e altre discipline connesse a queste materie. 

Quanto alle modalità di colloquio, la direzione sembra piuttosto innovativa, con tanto di intervista digitale. Il candidato una volta collegatosi alla pagina dedicata alle carriere, dovrà registrare una video intervista a cui seguiranno altri passaggi previsti dall’iter di selezione, fino ad arrivare al traguardo finale che prevede l’ingresso in azienda.

Per conoscere tutti i dettagli in merito a questa ghiotta opportunità non resta altro che andare sul sito ufficiale di Intesa San Paolo nella sezione dedicata alle assunzioni.

Dunque finalmente una svolta importante volta a favorire il ricambio generazionale che segue ad un’altra molto importante per la nota banca con sede legale a Torino. Nelle prossime settimane infatti sarà avviata la procedura sindacale per la fusione per incorporazione di UBI Banca nel Capogruppo Intesa San Paolo.