La “migrazione” da WhatsApp a Telegram e Signal è avvenuta dopo l’aggiornamento sulla privacy di WhatsApp, che fatto pensare a varie tesi complottiste 

L’aggiornamento delle condizioni sulla privacy notificato già a migliaia di utenti, che avverrà l’8 febbraio, ha portato tantissimi a migrare su altre app di messagistica istantanea come Signal o Telegram.

Il timore degli utenti è che le proprie chat e i propri messaggi possano essere “ceduti” dal social o condivisi, in particolare con Facebook.

Facebook, però, è la casa madre di WhatsApp, e alcuni scambi di informazione sono necessari. Nonostante la smentita e i chiarimenti dei gestori di WhatsApp il risultato è stato il passaggio a Signal e Telegram.

LEGGI ANCHE >>> Non c’è pace per chi utilizza Whatsapp: il messaggio che vi svuota il conto

LEGGI ANCHE >>> Hai eliminato per sbaglio WhatsApp dal tuo dispositivo? Ecco come ripristinarla

Boom di download per Telegram e Signal dopo che molti hanno disinstallato WhatsApp

La notifica sui nuovi termini di utilizzo del social arriverà a tutti nei prossimi giorni, come chiarito dalla App: “Toccando ‘accetto’ accetti i nuovi termini e l’informativa privacy, che entreranno in vigore l’8 febbraio 2021”.

In realtà sono timori infondati, perché la comunicazione tra Whatsapp e Facebook interessa solo i profili Business.

Secondo un rapporto di Apptopia e Sensor Tower, negli ultimi giorni c’è stato comunque  un vero e proprio boom per  Telegram e Signal che, secondo gli esperti, hanno un sistema criptato più rigoroso e quindi offre maggiori garanzie di sicurezza e privacy.

Su queste chat, infatti, le conversazioni scompaiono e cambia anche la gestione dei dati: pur sfruttando la crittografia end-to-endSignal non conserva nemmeno i metadati, cioè le informazioni più generali come luogo, orario e destinatario dei messaggi.

Anche Telegram funziona in modo analogo alle altre App di messaggistica, ma a differenza delle altre, può  ospitare chat fino a 200mila persone.