Ecco alcune importanti istruzioni riguardanti il Cashback di Stato per coloro che hanno PostePay o Bancoposta. Vediamo quali sono le principali innovazioni 

Cashback rimborso
(Fonte foto: web)

Il Cashback di Stato sta entrando sempre più nel vivo e per forza di cose sono tantissime le curiosità riguardanti questa novità che ha rivoluzionato il mondo degli affari.

Ad esempio, ad alimentare degli ulteriori e leciti dubbi c’è la questione riguardante l’iscrizione con PostePay e BancoPosta. Cosa cambia per i titolari di queste carte? L’interrogativo principale sta nella possibilità di usufruire dei medesimi servizi previsti per gli altri sistemi di pagamento.

Questo perché già a monte ci sono delle differenze sostanziali. Anche il metodo di iscrizione al servizio ad esempio differisce da quello utilizzato per altre tipologie di circuiti.

LEGGI ANCHE >>> Tutto sul Cashback: date e importi del rimborso di Natale

LEGGI ANCHE >>> Cashback di Natale, tanto rumore per nulla: i fondi non bastano

Cashback di Stato: informazioni utili per coloro che hanno PostePay e BancoPosta

Per aderire al Cashback di Stato e poter godere dei suoi notevoli vantaggi è infatti prevista la registrazione attraverso l’app IO. Attraverso questa si possono controllare le operazioni effettuate, il saldo sulla carta e se si vuole cambiare anche il metodo di pagamento. 

Nel caso si opti per PostePay e BancoPosta cambiano alcune cose. Nessun allarmismo però. Anzi per certi versi si potrebbe anche essere agevolati. In primis l’iscrizione può essere effettuata direttamente dalle applicazione dedicate di Poste Italiane (ovvero app BancoPosta e PostePay). Risulterà in automatico anche su IO. Quindi, primo grande dubbio fugato. Non serve la doppia registrazione.

Anche il secondo dubbio, probabilmente quello più importante è piuttosto incoraggiante per questa determinata categoria di fruitori. Per cambiare metodo di pagamento o cancellarsi dal programma sarà necessario entrare nell’app BancoPosta e compiere l’operazione. Una grande comodità, che naturalmente rimane un’esclusiva di chi giova dei servizi di Poste Italiane. Gli altri invece dovranno attenersi tassativamente alle disposizioni dell’app IO.