L’acquisto del condizionatore si può far rientrare tra le spese ammesse al bonus mobili e grandi elettrodomestici, ecco come

Il bonus mobili consiste in una detrazione fiscale (IRPEF), pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Di questa detrazione si può godere in 10 quote annuali di pari importo e spetta solo laddove il contribuente stia ristrutturando casa e goda del bonus ristrutturazione.

Danno diritto al bonus le spese sostenute per l’acquisto di mobili (nuovi) e grandi elettrodomestici.

Vi rientrano mobili come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo bonus per famiglie: sarà utile a sottoscrivere abbonamenti

LEGGI ANCHE >>> Bonus mobili: ecco gli elettrodomestici che rientrano nel beneficio

Come far rientrare l’acquisto del condizionatore nel Bonus Mobili

Per far rientrare i condizionatori in questo bonus, deve trattarsi di elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+  come rilevabile dall’etichetta energetica.

Per aver diritto al bonus mobili e grandi elettrodomestici, il pagamento dei condizionatori deve avvenire con bonifico (ordinario) o carta di debito o credito, altrimenti si perde il diritto alla detrazione.

Si tenga presente che, la detrazione è ammessa anche se il condizionatore è acquistato con un finanziamento a rate.  I documenti da conservare per ottenere il bonus sono: ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, documentazione di addebito sul conto, fattura di acquisto dei beni riportante tutti i particolari.

Tra le spese detraibili con il bonus in esame rientrano anche quelle per il trasporto e montaggio del condizionatore.