Il Capodanno alla Garbatella si preannuncia decisamente frizzante. Una valida alternativa per ovviare alla reclusione forzata imposta delle misure restrittive

Capodanno alla Garbatella
Fonte Instagram – @stefanofrattini

La Garbatella è da sempre uno dei quartieri più estrosi di Roma. Con la sua conformazione da piccolo paese, i suoi colori e le sue tradizioni è una sorta di perla all’interno della grande metropoli.

Anche in tempo di pandemia l’area capitolina celebre anche per essere stata il set della celebre serie “I Cesaroni” non si è fatta trovare impreparata. Infatti in un condominio situato in via Francesco Antonio Pigafetta hanno dato vita ad una geniale trovata per trascorrere il capodanno in compagnia, ma in piena ottemperanza delle regole anti-covid.

LEGGI ANCHE >>> Cenone di Capodanno, flop delle spese: di quanto sono calate

LEGGI ANCHE >>> Capodanno: se indossare rosso porta fortuna, stanotte è meglio cambiare colore

Capodanno alla Garbatella, il programma per salutare l’arrivo del 2021

I condomini e coloro che risiedono nei paraggi si ritroveranno in balcone per il classico countdown e brindisi di mezzanotte. L’auspicio naturalmente è che l’anno nuovo sia migliore del 2020 che ha portato tanto dolore e sofferenza.

L’annuncio è stato affisso nella guardiola della portineria del palazzo dove sono riportate  tutte le indicazioni per passare questo momento insieme all’insegna del divertimento e della semplicità.

A rendere chiaro quest’ultimo concetto è il suggerimento per quanto concerne l’outfit. Tutti sono stati invitati ad affacciarsi dal proprio balcone rigorosamente in pigiama. La locandina è apparsa sulla pagina Facebook del quartiere ed è ha riscosso riscontri piuttosto positivi.

Oltre allo spumante e al pigiama, l’altro diktat della “festa” è il divieto di utilizzare le lanterne cinesi che oltre ad essere vietate hanno un impatto non positivo sull’ambiente. Spazio quindi ai classici palloncini colorati. Questo però è un dettaglio e non è detto che alla fine questo particolare venga messo da parte.

Ciò che conta di più è il senso di aggregazione. L’importante è dare un segnale al mondo che seppur bisogna essere distanti in questa fase, un modo per stare vicini in qualche modo lo si trova sempre.