Una spesa davvero minima quest’anno per il cenone di Capodanno. In Italia, è scesa del 32% rispetto a 12 mesi fa

Cenone di Capodanno, flop delle spese: di quanto sono calate
Cenone di Capodanno (Fonte foto: web)

Secondo un’indagine Coldiretti/Ixé, in vista del Capodanno il 94% degli italiani ha scelto di consumare il cenone a casa propria per una media complessiva di 4 persone a tavola contro le 9 dell’anno scorso.

La scelta è sì, dettata dalle restrizioni governative, ma non tutti rinunceranno. Una piccola percentuale infatti, approfitterà della possibilità di ospitare due persone più ragazzi under 14, per festeggiare con amici e parenti.

Leggi anche>>> Bonus vacanze, il 31 dicembre è l’ultimo giorno per richiederlo: come fare

Leggi anche>>> L’Italia saluta il nuovo anno in zona rossa, e c’è una novità

Cenone di fine anno: corsa al risparmio

I lockdown intanto, hanno fatto riscoprire la cucina alle famiglie italiane. Secondo i dati, il 49% degli italiani è più impegnato tra i fornelli rispetto al passato. Cresce, l’attenzione verso giornali, siti web e vari tutorial in internet, per il tema gastronomico.

Coldiretti/Ixé inoltre, ha constatato che lo spumante continuerà come elemento base, a non mancare sulle tavole per il cenone di Capodanno. Almeno un brindisi a mezzanotte è d’obbligo e otto italiani su dieci, più precisamente l’81% non vi rinuncerà. 63 milioni di brindisi con spumante quindi sono attesi, mentre il prodotto francese, lo champagne, cede di quasi un 50%. Rispetto all’ultimo giorno del 2019, saranno infatti la metà gli italiani che ne berranno stavolta.

Non solo la bevanda è premiata se made in Italy, specialmente quest’anno. Le lenticchie, saranno presenti nel 78% delle tavole anche perché un po’ di fortuna ora come ora ci vuole proprio. Tra le più apprezzate, troviamo quelle del Castelluccio di Norcia Igp, ma anche quelle inserite nell’elenco delle specialità tradizionali nazionali come le lenticchie di S.Stefano di Sessanio (Abruzzo), Valle agricola (Campania), Onano, Rascino e Ventotene (Lazio), Molisane (Molise), Altamura (Puglia), Villalba, Leonforte, Ustica e Pantelleria (Sicilia) o umbre come quelle di Colfiorito. Lenticchie che come da tradizione, nel 66% dei casi, saranno accompagnate dal cotechino o zampone.