Esiste una particolare casistica che permette di avere uno sconto importante su bollette luce e gas. Di cosa si tratta? Come funziona? 

Bollette luce e gas
Fonte Pixabay

Risparmiare sulle bollette è un po’ un sogno nascosto di tutti i cittadini. Naturalmente per quanto si cerchi di stare attenti e di affidarsi ai gestori più convenienti risulta difficile abbattere in maniera netta questo costo.

Ci sono però alcune eccezioni decisamente molto importanti, che riguardano alcune categorie di persone. Infatti determinati contribuenti possono usufruire di sconti di non poco conto, a patto però che abbiano determinati requisiti. Un caso che merita quindi una specifica disamina.

LEGGI ANCHE >>> Risparmiare sulle bollette di luce e gas, come farlo nel giusto modo

LEGGI ANCHE >>> Maxi decreto Ristori: cosa cambia per bollette, tasse e mutui

Bollette luce e gas, ecco come poter avere lo sconto senza presentare l’ISEE

In realtà si tratta del bonus disagio fisico, ovvero un sostegno a cui hanno diritto soggetti la cui sopravvivenza dipende da strumenti e apparecchiature salvavita. Questi consumi infatti possono essere insostenibili per fasce reddituali non troppo abbienti. Da qui nasce la necessità di dare respiro a queste persone e di permettere loro di poter aver accesso all’elettricità tramite dei considerevoli tagli in bolletta. 

È possibile infatti avere uno sconto fino a 440 euro senza presentare l’ISEE per accertare la propria situazione patrimoniale. Serve solo la documentazione che attesti l’esigenza di dover disporre ai fini vitali di determinati macchinari ad alto consumo.

Andando per gradi, serve un certificato ASL che attesti l’invalidità del contribuente. A questo vanno aggiunti documento d’identità, codice fiscale e di un modello specifico da compilare.

Inoltre bisogna aggiungere i dati relativi alla potenza elettrica dello strumento salvavita e il codice POD per localizzare il luogo esatto dove viene erogata la fornitura. Per poter richiedere il sostegno in questione bisogna inviare la richiesta al comune di residenza o in alternativa rivolgersi ad un CAF che può fornire tutte le indicazioni del caso.