I risultati del nuovo sondaggio Noto di inizio dicembre sul coprifuoco a Natale e a capodanno e sul vaccino anti-covid presto disponibile in Italia

police-Ormai è ufficiale. A Natale e Capodanno bisogna rimanere a casa. Confermato il coprifuoco notturno dalle 22 alle 5 anche per i giorni cardine delle festività natalizie. Una situazione che gli italiani sperano possa finire al più presto e chissà se l’arrivo delle prime dosi di vaccino nel Bel Paese non possa aiutare a sconfiggere il nemico.

In realtà però, cosa ne pensa il popolo di queste ulteriori restrizioni e del vaccino? Il nuovo sondaggio Noto di inizio dicembre presentato durante la celebre trasmissione televisiva “Porta a Porta” si è concentrato proprio su questi due aspetti, dando dei risultati per certi versi controversi.

LEGGI ANCHE >>> Myrta Merlino a L’aria che Tira: sconcerto per il sondaggio, vale il “Il 37% degli italiani”

Sondaggio coprifuoco e vaccino anti-covid: il pensiero degli italiani

Riguardo al coprifuoco il 25 e il 31 dicembre il 45% si è detto favorevole a fronte del 41% dei contrati. Il resto non ha espresso una preferenza netta, ritiene che il provvedimento possa avere sia dei lati giusti che sbagliati.

Un vero e proprio sconvolgimento se si pensa che al precedente sondaggio effettuato il giorno dopo l’emanazione del decreto da parte del capo del Governo Giuseppe Conte. In quel caso l’80% aveva dato il proprio assenso a tutte le restrizioni previste, compreso il blocco tra regioni e gli spostamenti tra comuni nei giorni clou.

Tendenzialmente alta anche la percentuale di coloro che si sottoporranno al vaccino anti-covid, ma in questa circostanza è bene effettuare una distinzione. Il 33% ha dichiarato di volerlo fare subito, l’altro 36% invece vuole aspettare per vedere “che effetto fa”. Remore più che giustificate, che però non cambiano troppo il quadro della situazione. Con numeri del genere infatti secondo i medici si potrebbe raggiungere la cosiddetta immunità di gregge. 

LEGGI ANCHE >>> Sondaggi politici 3 dicembre: Lega sempre leader, ma attenzione al Pd