Il Governo per limitare i contagi covid sta ponderando di istituire un blocco degli spostamenti comunali per i giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno

chiusura
fonte web

Il nuovo decreto è praticamente ormai fatto. Il Governo non si è voluto sbilanciare troppo rispetto alle disposizioni dell’ultimo mese. I numeri dei contagiati di covid-19 sono decisamente calati rispetto a qualche settimana fa, ma guai ad abbassare la guardia.

Basta un piccolo passo falso per vanificare il buon lavoro svolto finora. Quindi è stato ponderato un giusto compromesso tra la concessione di passare un Natale sereno in famiglia ed evitare spostamenti per vacanze e festeggiamenti sforzosi. 

LEGGI ANCHE >>> Ristori Quater, ecco il ‘decreto di Natale’: ma spunta già un quinto

Covid, gli altri divieti previsti dal Dpcm di Natale

Le maggiori cautele si sono concentrate soprattutto sui giorni clou delle festività natalizie ovvero il giorno di Natale, quello di Santo Stefano e Capodanno. In queste date molto probabilmente sarà vietato spostarsi dal proprio comune di residenza e sarà regolarmente attivo il coprifuoco alle 22:00 nonostante le numerose polemiche a riguardo (nascita di Gesù e messa di mezzanotte). Per l’ultimo dell’anno ristoranti ed hotel potrebbero addirittura chiudere alle 18:00.

Ciò però rischia di lasciare in dote una serie di incongruenze, perchè sarà possibile andare a pranzo fuori al ristorante, ma sarà vietato ricongiungersi con i parenti che risiedono in località limitrofe. 

Tra le altre disposizioni saranno vietati i viaggi extra regionali presso le seconde case e verso le località sciistiche (il cui destino è appeso ad un filo). Stop anche alle crociere. 

Nel frattempo l’Esecutivo sta lavorando a spron battuto per la distribuzione del vaccino nel più breve tempo possibile. Stando alle previsioni, l’apice in merito alla somministrazione è quello a cavallo tra la primavera e l’estate.

LEGGI ANCHE >>> Dpcm di Natale: questi i termini, ecco fin quando durerà