Il decreto Ristori quater prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto agenti e rappresentanti. Chi può ottenerlo e quando inoltrare la domanda

fondo perduto agenti e rappresentanti
Fonte Pixabay

Con l’arrivo del nuovo decreto Ristori quater sono aumentati i beneficiari del contributo a fondo perduto già previsto dal decreto precedente. Tra i “fortunati” infatti figurano anche gli agenti e i rappresentanti con determinati codici Ateco (per ogni specifica a riguardo è bene consultare l’allegato 1 del provvedimento emanato lo scorso 30 novembre).

Un sostegno che arriverà a prescindere dalla gravità della zona di residenza (non c’è differenza di colore in questo caso). Dunque, andiamo a vedere i requisiti, i potenziali importi percepibili e i tempi e le modalità di presentazione della domanda.

LEGGI ANCHE >>> A Natale un bonus per chi lavora nello sport: tutto quello che devi sapere

Fondo perduto agenti e rappresentanti: requisiti, importanti e tempi per la domanda

La prima tassativa condizione è che i soggetti richiedenti abbiano una partita IVA attiva al 25 ottobre 2020 e che sia ancora in funzione nel momento della presentazione della domanda.

L’altro presupposto è che il fatturato del mese di aprile 2020 sia inferiore di almeno 2/3 rispetto a quello del medesimo periodo del 2019. Le uniche eccezioni inerenti questo parametro riguardano le partite IVA aperte dal 1 gennaio 2019 e i casi in cui il proprio comune di domicilio sia stato colpito da calamità di qualsiasi tipo. In questi casi non è necessaria la differenza di fatturato tra 2019 e 2020.

In linea di massima però, si tratta di un paletto da tenere in considerazione, soprattutto per quanto concerne le potenziali cifre percentuali da riscuotere. In caso di ricavi non superiori a 400000 euro si ha diritto al 20%, il 15% per compensi superiori tra 400000 e 1 milione di euro e il 10% nel caso in cui si abbia un fatturato ancor più elevato.

È previsto comunque un contributo minimo di 1000 euro per le persone fisiche e di 2000 euro per le persone giuridiche. Il massimo per entrambi i casi si attesta sui 150000 euro. Per presentare la domanda c’è tempo fino al 15 gennaio 2021. Basta compilare l’apposito modello approvato il 20 novembre 2020 con il Provvedimento numero 358844.

LEGGI ANCHE >>> A chi spetta il Bonus Covid 1000 euro? Le categorie interessate e come richiederlo