Pensione, attenzione, integrarla ed ottenere importi più alti è possibile: ecco come

Occhio alla pensione, integrarla ed ottenere importi più alti è possibile. Ecco come fare e le soluzioni più adatte in base alle proprie esigenze.

Spesso al centro dell’attenzione per via degli importi ritenuti particolarmente bassi, è bene sapere che integrare la pensione e avere più soldi a propria disposizione è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

integrare pensioni
Foto © AdobeStock

In un momento storico come quello attuale, segnato dall’aumento generale dei prezzi, sono sempre di più le persone che non riescono, purtroppo, ad arrivare alla fine del mese. Se poi si aggiunge che molti anziani percepiscono pensioni al di sotto di 1.000 euro al mese, ecco che è facile capire come siano davvero in tanti a vivere una situazione di indubbio disagio.

A destare particolare preoccupazione, poi, è la consapevolezza che in futuro gli importi dei trattamenti pensionistici saranno ancora più bassi. Proprio in tale ambito, pertanto, interesserà sapere che integrare la pensione e avere più soldi a propria disposizione è possibile. Ma come fare? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Pensione, attenzione, integrarla ed ottenere importi più alti è possibile grazie ai fondi pensione

Come già detto integrare la pensione e avere più soldi a propria disposizione è possibile. Ma come fare? Ebbene, a tal fine giungono in nostro aiuto degli strumenti integrativi ad hoc, come ad esempio i fondi negoziali o aperti ai quali poter destinare il proprio TFR o comunque i propri risparmi.

Entrando nei dettagli, è possibile optare per una delle seguenti soluzioni:

  • rendita vitalizia non reversibile, che si estingue con la morte del soggetto sottoscrittore.
  • pensione integrativa reversibile, con pagamento della rendita al momento in cui si va in pensione e fino alla data di premorienza.
  • rendita certa e poi vitalizia. Quest’ultima consente di ottenere una certa rendita per un periodo di tempo che va da 5 a 10 anni dal momento in cui si va in pensione, per poi diventare vitalizia.

Come è facile notare, diversi sono i tipi di rendita grazie ai quali poter integrare il proprio trattamento pensionistico e beneficiare di un importo più alto. Allo stesso modo diverse sono le caratteristiche e le garanzie che ognuno di essi è in grado di offrire.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il consiglio, pertanto, è quello di valutare quale formula sia quella più adatta alle proprie esigenze, in modo tale da poter integrare il trattamento pensionistico e avere così qualche euro in più a disposizione grazie ai quali poter far fronte alle varie spese.