Tempi di erogazione del Bonus 200 euro, ora sono noti ma nascondono delle rivelazioni finora sconosciute

L’INPS ha definito i tempi di erogazione del Bonus 200 euro rivelando dettagli della misura finora poco noti.

Luglio sarà il mese dell’erogazione del Bonus 200 euro ma non per tutti. Alcune condizioni faranno sfumare negativamente l’attesa.

erogazione Bonus 200 euro tempi
Adobe Stock

Dopo tanto parlare, a breve i beneficiari del Bonus 200 euro una tantum riceveranno l’aiuto del Governo che servirà per affrontare le spese eccessive legate ai rincari. Pochi mesi fa la notizia dell’erogazione di un bonus ad un’ampia platea di cittadini è arrivata come uno spiraglio di luce tra i rincari pur non trattandosi di cifre impressionanti. Con 200 euro sarà possibile, comunque, pagare un paio di bollette, alleggerire la rata del mutuo o dell’affitto, corrispondere pagamenti arretrati, in attesa che interventi più efficaci vengano messi in atto dall’esecutivo per calmierare i prezzi. Fin da subito si è ipotizzato il mese di luglio come periodo di erogazione del Bonus e l’INPS ha confermato tale ipotesi.

Erogazione del Bonus 200 euro, le tempistiche

Più di 32 milioni di italiani dovranno cerchiare in rosso il mese di luglio sul calendario dato che l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha confermato l’erogazione del Bonus 200 euro per il prossimo mese. Il Decreto Aiuti citava “la retribuzione erogata nel mese di luglio 2022” come periodo di riferimento e l’INPS ha, ora, spiegato cosa si intende con questa frase.

I datori di lavoro devono corrispondere l’indennità una tantum nella retribuzione di luglio ossia sulla busta paga del mese entrante. Il Bonus sarà associato allo stipendio di luglio anche se fa riferimento al mese di giugno. L’attesa durerà, dunque, ancora qualche settimana con tempistiche differenti in base al giorno di versamento della retribuzione. C’è chi la prende intorno al giorno 10, chi a fine mese e chi all’inizio del mese successivo (quindi agosto).

Attenzione ad alcune precisazioni dell’INPS

L’INPS ha sottolineato che lo stipendio in cui riconoscere l’indennità con riferimento ai singoli rapporti di lavoro – come i part time ciclici – o delle previsioni del CCNL può essere quello di luglio riguardante il mese di giugno. Però per ottenere il Bonus sarà necessario che il rapporto di lavoro sussista nel mese di luglio.

Inoltre, l’ente ha specificato che hanno diritto ai 200 euro i beneficiari con retribuzione di competenza azzerata a causa di eventi tutelati – congedi o sospensione del rapporto di lavoro per ammortizzatori sociali. La platea, poi, si restringe ai lavoratori che hanno ottenuto l’esenzione contributiva dello 0,8% nel primo quadrimestre 2022 per almeno una mensilità e che hanno percepito uno stipendio inferiore a 2.692 euro. Regole stringenti anche per i disoccupati. Per ricevere l’erogazione del Bonus sarà necessario essere titolari di indennità NASPI. Si attendono, infine, le direttive per i lavoratori autonomi che dovrebbero essere contenute in un prossimo decreto attuativo. Ad oggi, dunque, è improbabile che tale categoria possa ricevere i soldi già nel mese di luglio.