Attenzione al bonus energetico: il sondaggio è un trucco per rubarvi soldi

Attenzione al web ed ad ciò che appare come in realtà qualcosa di assolutamente diverso da ciò che in realtà rappresenta.

Una vicenda che ha dell’incredibile prontamente segnalata dal sito web “Bufale.net”. Una serie di segnalazioni che per fortuna sono riuscite prontamente a fare in modo che la dinamica facesse molti meno danni di quanto potenzialmente possibili. Il solito messaggio da social network, una sorta di link notizia, una news molto più pericolosa di quanto si potrebbe immaginare.

bonus energia 300 euro
Foto © AdobeStock

Una vicenda che ha chiaramente dell’incredibile se si pensa al contesto in cui nasce e prolifera. La situazione attuale non è certo delle migliori. La crisi che arriva dalla pandemia di covid e si conferma più cruda che mai con lo scoppio del conflitto in Ucraina. Una situazione in cui è evidente più che mai il disagio economico di milioni e milioni di cittadini italiani. In tale situazione come spesso accaduto negli ultimi anni si spera in un aiuto, in un sostegno da parte dello Stato.

Proprio in quella direzione hanno provato a colpire i truffatori inventandosi qualcosa che potesse più che mai attirare l’attenzione degli utenti. Negli ultimi mesi abbiamo visto aumentare qualsiasi genere di prodotto o servizio. Tra gli aumenti in questione quello che ha forse colpito più di tutti gli italiani è stato senza dubbio quello del costo dell’energia elettrica. Proprio li sono andati a colpire questa volta i malintenzionati del web.

Attenzione al bonus energetico: la truffa orchestrata per far credere agli italiani vantaggi inesistenti

Una sovvenzione da parte dello Stato per tutti i cittadini in occasione dei 70 anni di Eni. Un vantaggio per sopperire all’aumento dei prezzi del consumo energetico. Una situazione che fa immaginare quini un aiuto da parte di chi ci governa nei confronti di coloro i quali non riescono a gestire al meglio i tanti aumenti delle ultime settimane. Protagonista del contenuto del messaggio e vittima indiretta è chiaramente Eni. Nel messaggio che circola su Whatsapp l’invito a compilare un questionario per comprendere al meglio come fare per accedere al bonus in questione.

1000 di contributo dopo aver risposto alle domande contenute in un sondaggio preparato ad arte per comprendere in teoria le esigenze ed i consumi dei cittadini. Una fake news bella e buona insomma considerato che non sono previste alcune iniziative di questo stampo, sovvenzionate inoltre dallo Stato. Certamente all’interno del sondaggio verranno chiesti i dati personali del cittadino e magari le credenziali bancarie per poter disporre il pagamento del bonus in questione. In quel momento insomma sarà scattata la truffa. Il cittadino in quel caso non avrà alcuno scampo.

Non è chiaramente da escludere la volontà da parte dei malintenzionati di provare a raccogliere quanti più informazioni personali dei cittadini italiani possibili. Il tutto per continuare a truffare altre persone. Una truffa senza fine insomma. Il web come al solito brulica di malintenzionati. In questo caso si è arrivati per fortuna ad una rapida segnalazione della dinamica sperando che non siano stati in molti gli italiani che hanno abboccato alla falsa notizia creata ad arte.