Svizzera chiama Italia: stipendio altissimo | No aria condizionata in auto | Non solo fotovoltaico

Lavoro in Svizzera, alternativa a fotovoltaico e multa aria condizionata in auto: ecco tutti i temi caldi della settimana.

Lavoro sicuro e stipendi alti in Svizzera. Proprio qui vengono aperte periodicamente le proprie porte ai lavoratori stranieri, con delle opportunità che risultano estremamente ghiotte.

Lavoro-svizzera-alternativa-fotovoltaico-auto-condizionata

Tra i temi caldi della settimana si annovera poi la possibilità di poter utilizzare un impianto ancora più conveniente rispetto al fotovoltaico, grazie al quale poter contrastare il caro bollette e risparmiare qualche euro.

Ma non solo, giungono brutte notizie per molti automobilisti che in una determinata circostanza rischiano di dover pagare una multa per via dell’aria condizionata in auto. Entriamo quindi nei dettagli per vedere tutto quello che c’è da sapere in merito e soprattutto cosa sta succedendo.

Svizzera, importanti offerte di lavoro: ecco chi sta assumendo

Buone notizie per tutti coloro alla ricerca di un’interessante opportunità lavorativa. La Svizzera apre periodicamente le proprie porte ai lavoratori stranieri, con occasioni particolarmente ghiotte.

Qualche tempo fa, ad esempio, alcuni ristoranti di prestigio offrivano fior di contratti a esperti pizzaioli. Ma non solo, anche grandi società e gruppi internazionali nei vari settori offrono buone posizioni, con retribuzioni che risultano conformi al titolo di studio e al livello di esperienza.

Al momento tra coloro che cercano personale in Svizzera si annoverano importanti banche come UBS, Credit Suisse, BVC e Swiss Re. Ma non solo, anche compagnie di assicurazioni come Zurich ed Helvetia Holding. Da annoverare anche Nestlé, Swatch Group e Lufthansa. Tantissime occasioni per professionisti di vari settori.

Non solo fotovoltaico, vi è un impianto ancora più conveniente: ecco di quale si tratta

Il fotovoltaico non è sempre in grado di soddisfare le necessità di chi lo utilizza. Proprio per questo motivo interesserà sapere che vi è un impianto ancora più conveniente grazie al quale poter risparmiare qualche euro e contrastare così il caro bollette.

Si tratta del sistema plug & play. Quest’ultimo si presenta come un dispositivo che ognuno di noi può installare sul terrazzo, sul tetto oppure sul balcone di casa. Il tutto senza dover richiedere alcuna autorizzazione. Si tratta di un elettrodomestico in grado di generare elettricità grazie alla luce solare che viene poi convertita in energia domestica.

Non bisogna fare altro che inserire la spina nella presa e il modulo in questione viene collegato in modo facile e veloce all’impianto elettrico della propria casa. Il contatore gira più lentamente e pertanto diminuiscono i consumi, permettendo così di pagare meno sulla bolletta.

Auto, occhio all’aria condizionata: in questo caso scatta la multa

Ovviamente non vi è alcun divieto per l’aria condizionata in auto. Tuttavia è bene prestare la massima attenzione, in quanto in alcuni casi si rischia di incorrere in multe particolarmente pesanti.Entrando nei dettagli, infatti, bisogna sapere che in base a quanto previsto dal Codice della Strada, non si può tenere accesa l’aria condizionata in auto se il veicolo è fermo.

Come previsto dal comma 7 bis all’articolo 157 del Codice stradale, non si può tenere acceso il motore dell’auto “durante la sosta del veicolo allo scopo di mantenere in funzione l’impianto di condizionamento d’aria nel veicolo“. Nel caso in cui si venga beccati ad infrangere tale regola, ecco che si rischiano multe da 223 euro fino a 444 euro.