Fame nervosa, è il momento di dire basta: gli alimenti che aiutano a cambiare rotta

La fame nervosa è una valvola di sfogo pericolosa per l’organismo. Mangiare per un bisogno mentale e non fisico è sbagliato e occorre mettere un punto all’assunzione eccessiva di cibo.

Scopriamo quali sono gli alimenti che tengono a bada la fame nervosa e permettono di riprendere possesso del proprio corpo e di dimagrire.

fame nervosa alimenti
Adobe Stock

Mangiare è un atto abituale dettato dall’impulso della fame. Quando l’organismo lo richiede è necessario introdurre alimenti che possano “nutrirlo” in modo tale che continui a funzionare nel migliore dei modi. Mangiare senza aver fare ma per una necessità psicologica è, al contrario, un atto sbagliato che mette in pericolo la salute. Può capitare che lo stress e il nervoso vengano scaricati sul cibo così come la tristezza o l’ansia. Ricorrere ad un’azione abituale aiuta il corpo e il cervello a calmarsi ma non è salutare soprattutto se diventa una valvola di sfogo quotidiana. Se assumere alimenti durante ogni ora del giorno diventa una routine, è il momento di capire che si è dinanzi ad un problema e, come tale, va risolto. Le preoccupazioni, le delusioni, la rabbia devono essere sfogate in una maniera differente, più proficua e innocua per il proprio organismo. L’attività fisica, la musica o anche solo una passeggiata possono porre un freno all’impulso di aprire il frigorifero o i cassetti cercando qualsiasi cosa che possa essere ingerita. In alternativa è possibile comprare e riservare a questi attimi di fame nervosa alcuni alimenti capaci di tenerla sotto controllo.

Fame nervosa, un problema da risolvere

Francesca Beretta è una nutrizionista biologa che ha scritto il libro “Giù la pancia… su il morale!” per aiutare le persone a dare una svolta alla propria vita. L’idea non è impedire di mangiare ma consigliare i giusti alimenti funzionali per dimagrire e dire “basta” alla fame impulsiva. Iniziamo dai ceci, un legume gustoso ad alto tenore proteico ideale per chi svolge un lavoro sedentario. La nutrizionista rivela come i carboidrati presenti in questo prodotto abbiano un basso contenuto glicemico adatto a chi non consuma energie durante il lavoro. Ceci gialli, rossi, neri, le varietà non mancato. E’ possibile provare la combinazione tra ceci rossi e paprika dolce unendo le caratteristiche del legume ad una spezia che favorisce la digestione, migliora il funzionamento dell’apparato cardio circolatorio, è ricca di vitamine K, B, C ed E e di sali minerali quali fosforo, magnesio, potassio e manganese.

Pinzimonio e lupini, i trucchi per dimagrire

Carote, gambi di sedano, finocchi messi in un contenitore di vetro e conditi con il guacamole (cipollotto, peperoncino, avocado, lime e coriandolo) e aggiunta di sale e pepe. Un trucco semplice per sgranocchiare verdure e colmare il senso di fame soprattutto se nervosa. Il pinzimonio ha pochissime calorie e tantissimo gusto, ottima soluzione per le proprie esigenze.

Da citare, poi, i lupini ossia legumi della famiglia dei ceci, fagioli e lenticchie. Molto conosciuti come spuntino fuori pasto, ciò che non tutti sanno è che racchiudono molteplici proprietà benefiche. Cento grammi di lupini apportano 38 grammi di proteine vegetali e forniscono 144 grammi di chilocalorie fornendo un senso di sazietà.

Fame nervosa addio, gli ultima alimenti consigliati

Spostiamoci sulle bevande con il consiglio della nutrizionista di bere ACE, un multivitaminico ricco di vitamine dalle varie proprietà benefiche per l’organismo. La funzione antiossidante è predominante e consigliata per chi soffre di osteoporosi, malattie cardiovascolari e per prevenire Alzheimer e problemi alla prostata.

Concludiamo con la frutta secca capace di ridurre gli effetti negativi dei grassi e di donare un senso di sazietà. Noci, mandorle, nocciole, arachidi e anacardi sono ottime soluzione alla fame nervosa per chi non è allergico.