Come diventare attore: la carriera e i guadagni di una professione da sogno

Diventare un attore è un sogno condiviso da tutti gli amanti della recitazione. Scopriamo la strada da percorrere per raggiungere l’obiettivo per poi conoscere i guadagni medi degli artisti.

Il talento e la passione sono fondamentali per diventare attori insieme ad un chiaro percorso indirizzato alla professione. Vediamo cosa studiare per intraprendere una carriera nel mondo dello spettacolo.

diventare attore
Adobe Stock

Recitare significa interpretare personaggi diversi, vivere centinaia di vite e trovarsi in realtà sconosciute da far proprie in pochi attimi. La recitazione pretende un’immedesimazione totale nel personaggio che si interpreta in modo tale da convincere il pubblico, da catturarlo e regalargli quelle emozioni che ricerca in un film, una serie tv o uno spettacolo teatrale. Il talento o si ha o non si ha, questa affermazione è estrema ma nasconde un fondo di verità. Si può imparare a recitare con il giusto percorso però occorre essere predisposti per questo tipo di apprendimento in modo tale da riuscire a sfondare. Se si sente di avere la recitazione nel sangue è il momento di dare il via ad una nuova esperienza che potrebbe consentire la realizzazione di un sogno, lavorare nel mondo dello spettacolo come attore.

Diventare un attore, il percorso

I grandi attori di teatro e di cinema hanno alle spalle anni di studio, approfondimento e formazione. Un vero e proprio percorso da seguire necessariamente per realizzare il sogno non esiste. E’ consigliabile diplomarsi per poi prendere una Laurea umanistica come il DAMS, le discipline delle arti figurative, della musica e dello spettacolo. Questa può essere la base giusta su cui costruire, poi, le solide fondamenta e i muri della propria carriera. Oltre agli studi teorici è bene affiancare un corso di recitazione e altri corsi specialistici – di dizione, di portamento, di danza. Inoltre, è opportuno approfondire una lingua straniera, in particolar modo l’inglese, e praticare uno sport per mantenere il fisico in forma.

Se le disponibilità economiche lo consentono, poi, il percorso ideale prevede la frequentazione di una scuola di recitazione. Alcune sono molto rinomate e prevedono la possibilità di avere come insegnati attori famosi. Citiamo la scuola di teatro Luca Ronconi, l’Accademia nazionale di Arte Drammatica Silvia d’Amico, il Centro Sperimentale di Cinematografia con direttore artistico Giancarlo Giannini e l’Accademia teatrale di Roma Sofia Amendolea.

I guadagni di un attore

I guadagni di un attore dipendono, naturalmente, dalla carriera alle spalle. La retribuzione massima annuale è di 390 mila euro (parliamo di famosi attori italiani) con picchi fino a 546 mila euro per i nomi più noti. Dare un’indicazione precisa è un’inesattezza dato che il guadagno dipenderà dal numero di film recitati in un anno e dal ruolo interpretato. Agli inizi i guadagni possono risultare molto bassi, tra i 5 mila e i 10 mila euro all’anno. Riuscendo ad entrare con un ruolo rilevante in una serie Mediaset o Rai, poi, si potrebbero ottenere fino a 20 mila euro al mese o 500 euro a gettone. I volti non noti hanno un guadagno di 100 euro a gettone al massimo. Concludiamo con una stima delle retribuzioni di un attore teatrale. Si va da un minimo di 45 euro lordi al giorno e la cifra sale a seconda della fama del cognome che si porta.