Caro bollette, il risparmio dipende da noi: come bisogna agire

Al momento non ci sono buone notizie in merito alla fine del caro bollette. Esiste però una contromisura efficace che può permettere alle persone di risparmiare

Avere una condotta di un certo tipo durante il tempo che si trascorre in casa, può essere un buon viatico per tamponare una situazione piuttosto incresciosa.

Caro bollette
Fonte Adobe Stock

L’aumento spropositato dei consumi casalinghi è destinato ad accompagnare gli italiani ancora per un po’. La corsa alla compagnia più conveniente è già scattata, ma ciò allo stato attuale non può bastare a far diminuire gli ingenti costi di questa fase.

Si può però cercare di rimediare in parte a ciò che sta accadendo prendendo delle contromisure. Il modo è piuttosto semplice e dipende totalmente dalle proprie azioni giornaliere. Se ognuno modificasse le abitudini casalinghe rispetto all’utilizzo degli elettrodomestici, secondo “QuiFinanza” si potrebbero risparmiare a livello nazionale addirittura 5,8 miliardi di metri cubi di gas all’anno. 

Caro bollette: come risparmiare facendo leva sui propri comportamenti

Andiamo a vedere in che modo si può cercare di “sgonfiare” le proprie bollette. Un classico esempio è quello di tenere accesi TV o PC quando non li si utilizza. Spesso lo si fa inconsapevolmente. In realtà però sono dei particolari che possono giocare un ruolo determinante. Quindi, spegnere gli apparecchi elettronici che non utilizziamo per quanto possa sembrare scontato è un consiglio che non tutti hanno ancora interiorizzato.

L’altra faccia della medaglia, è la manutenzione degli strumenti di cui si dispone. Caldaie e climatizzatori sono in cima alla lista, visto che comportano un dispendio maggiore. Eventuali anomalie infatti oltre ad incidere sulla qualità del servizio, comportano un maggior consumo energetico e di conseguenza un costo più alto in bolletta.

L’efficienza degli arnesi di cui ci si avvale è un altro piccolo passo da seguire lungo la strada che porta al risparmio. In tal senso è bene prediligere quelli con classe A+++ o comunque mai inferiori ad A+.

Ultimo ma non meno importante è il sistema di illuminazione dell’abitazione. Sostituire le lampadine ad incandescenza con le più moderne e innovative lampadine a LED è cosa buona e giusta. Così facendo si possono abbinare qualità e spreco energetico decisamente inferiore.