Risparmio su luce e gas ad aprile: gli aiuti del Governo danno i primi frutti

Risparmio sulle bollette di luce e gas nel mese di aprile. Con gli aiuti del Governo vedremo una diminuzione degli importi che, però, resteranno sopra la media per almeno due anni.

Ad aprile si pagheranno bollette dell’energia elettrica e del gas meno care rispetto ai primi mesi del 2022. Rimarranno comunque al di sopra della media degli ultimi anni, i contribuenti dovranno accettarlo.

luce risparmio aprile
Adobe Stock

Arera ha comunicato un abbassamento dei costi di luce e gas dopo 18 mesi di rincari. Una notizia che giunge come un raggio di sole in piena tempesta per milioni di famiglie e imprese. Gli aumenti stanno pesando gravemente sulle spalle dei cittadini e un alleggerimento dei prezzi è diventato necessario. Dopo il calo del costo del carburante preceduto dallo spavento delle scorse settimane con diesel e benzina sopra i due euro, ora è il momento di luce e gas. Il numero delle bollette insolute nei primi due mesi del 2022 è cresciuto del 15% rispetto allo scorso anno così come sono aumentate le richieste di rateizzazione. Ora potremo assistere ad un abbassamento dell’importo in bollette per 30 milioni di famiglie e 6 milioni di imprese.

Risparmio luce e gas ad aprile 2022

Il Decreto Legge Energia ha stanziato le risorse per aiutare famiglie e imprese a sostenere il pagamento delle bollette. La riduzione prevista per il mese di aprile è del 10,2% per la luce e del 10% per il gas. L’abbassamento con le nuove tariffe riguarderà il trimestre aprile-giugno e coinvolgerà i contribuenti del mercato a maggior tutela.

L’importo previsto per la luce è di 41,34 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse e con l’azzeramento degli oneri di sistema. Nello specifico, a diminuire sono i costi legati all’approvvigionamento dell’energia elettrica mentre rimarranno invariati gli importi per il trasporto e la gestione del contatore. Passando al gas, le nuove tariffe si attestano sui 123,62 centesimi di euro per metro cubo con tasse incluse. In questo caso calano i costi degli oneri di sistema, dell’approvvigionamento e delle attività connesse.

La rateizzazione per importi eccessivi

Nonostante l’abbassamento dei costi, gli importi che si andranno a pagare in bolletta- soprattutto con riferimento al gas – resteranno più alti della media degli anni passati per circa due anni. Questa è la previsione di Stefano Besseghini, presidente dell’ARERA. Di conseguenza, le difficoltà dei pagamenti delle bollette sussisteranno per tante famiglie e imprese chiamate a sostenere numerosi rincari in ogni settore. Per attenuare la problematica è possibile ricorrere alla rateizzazione in dieci rate dell’importo dovuto. Per poter beneficiare dell’agevolazione sarà necessario pagare subito metà della somma e rateizzare la parte restante per un massimo di dieci quote di importo minimo di 50 euro. In caso di importo inferiore si potrebbe richiedere un numero minore di rate.