Call Center, è ora di dire basta! Come evitare fastidiose telefonate

Call center che chiamano a qualsiasi ora, è ora di porre fine alle noiose telefonate non desiderate. La soluzione c’è e si chiama Registro Pubblico delle Opposizioni.

Bloccare le telefonate commerciali è possibile. Basta conoscere la procedura da seguire per impedire continui disturbi da parte dei call center.

call center telefonate
Adobe Stock

Squilla il telefono, ci affrettiamo a rispondere pensando che possa essere una comunicazione importante e, invece, è l’ennesima promozione commerciale. Questo quando si è fortunati perché in tanti casi rispondere alla chiamata potrebbe significare incorrere in truffe e raggiri che hanno lo scopo di carpire dati sensibili. Nel momento in cui un numero sconosciuto appare sul display dello smartphone la tentazione di non rispondere è viva ma, poi, prevale la curiosità e si cede. Ebbene, per evitare di perdere tempo oppure di essere truffati è consigliabile sia riuscire ad identificare le chiamate sconosciute sia richiedere il blocco delle telefonate dai call center. Vediamo come procedere.

Stop ai call center con il Registro Pubblico delle Opposizioni

Il Registro Pubblico delle Opposizioni dovrebbe risultare uno strumento più efficace rispetto al passato dopo l’approvazione del Decreto Legge numero 26 entrato in vigore il 13 aprile 2022. Parliamo di un metodo semplice che consente di tenere alla larga i call center. E’ sufficiente l’iscrizione al Registro per non essere più contattati dai call center delle società commerciali comprese quelle con cui si hanno dei rapporti per la stipula di un contratto ancora attivo. Iscrivendosi al Registro Pubblico delle Opposizioni, infatti, secondo la Legge si ritira ogni consenso precedentemente dato. Per i nuovi consensi basterà rinnovare l’iscrizione impedendo, così, di essere contattati da telefonate commerciali. All’interno del Registro sarà possibile inserire sia il numero fisso che il mobile.

Come procedere con l’iscrizione

L’iscrizione al Registro è completamente gratuita e può avvenire secondo quattro modalità differenti. La prima è telematica e prevede l’accesso al portale abbonati.registrodelleopposizioni.it per procedere con la compilazione di un modulo online. La seconda modalità prevede l’inoltro di una e-mail all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it con allegato il modulo per Iscrizione, Revoca e Aggiornamenti dati facilmente scaricabile dal web.

In alternativa è possibile telefonare al numero verde 800 265 265 e seguire la procedura automatizzata per portare a termine la richiesta di blocco delle telefonate dai call center. In caso di difficoltà è possibile richiedere di parlare con un operatore fisico. Ricordiamo che il servizio è disponibile dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00. Infine, l’ultima modalità prevede l’inoltro di una raccomandata A/R all’indirizzo “Gestore del Registro Pubblico delle Opposizioni, Abbonati-Ufficio Roma Nomentano, C.P. 7211, 00162 Roma” con allegato l’apposito modulo di richiesta.

Ogni operatore commerciale prima di chiamare ha il compito di controllare il Registro delle Opposizioni. Trovando nell’elenco il numero di telefono non potrà procedere con la telefonata. Ricordiamo che chi non rispetta la Legge rischia multe fino a 20 milioni di euro e il compito di verifica l’osservanza delle regole spetta al Garante delle Privacy, organo di riferimento anche per il cittadino che vuole segnalare l’arrivo di chiamate da parte dei call center non autorizzate.