Assegno unico, ci siamo: quando viene pagato ad aprile, il calendario ufficiale Inps

Cosa ha comunicato l’Inps a proposito dei pagamenti dell’assegno unico del mese di aprile. Scopriamo il calendario stilato a tal proposito

L’erogazione riguarda sia le famiglie che avevano già presentato la richiesta negli scorsi mesi sia per coloro che lo hanno richiesto a marzo.

Assegno Unico
Fonte Adobe Stock

Lo scorso 1 aprile l’Inps ha annunciato di aver iniziato a preparare i pagamenti dell’Assegno Unico per il mese in corso. Una notizia attesa da milioni di famiglie, basti pensare che nei mesi passati (gennaio e febbraio) hanno effettuato la richiesta più di 1 milione di nuclei e solo nel mese di marzo si circa 1,7 milioni.

In virtù di ciò, andiamo a scoprire qual è il calendario per la corresponsione di questo ammortizzatore sociale destinato a determinate famiglie che hanno dei figli a carico. 

Assegno Unico: quando avviene il pagamento di aprile da parte dell’Inps

Per conoscere gli aspetti basilari del suddetto bonus e i requisiti per potervi accedere, è bene cliccare sul seguente link. Tornando invece al fulcro della questione, ecco il prospetto dei pagamenti dell’INPS ad aprile 2022 secondo il patronato Inpas:

  • Domande inviate a gennaio e febbraio 2022: erogazione prevista a partire dal venerdì 15 aprile (non è da escludere qualche ritardo vista la concomitanza delle festività pasquali),
  • Domande recapitate dopo il 1 marzo 2022: accredito dell’Assegno Unico previsto entro la fine del mese successivo a quello della domanda.

Quindi coloro che l’hanno effettuata nel corso del mese di marzo, entro l’ultimo giorno di aprile si vedranno elargire quanto dovuto in base alla propria situazione familiare. Ad ogni modo sono molteplici le novità inerenti questo strumento. Soprattutto per quanto riguarda la possibilità di ricevere le quote arretrate. 

Bisogna sempre considerare che per accedere a questo sussidio è fondamentale l’ISEE (indicatore situazione economica equivalente). Consente l’accesso a svariati altri servizi di pubblica utilità. 

Dunque, chi si era allarmato perché finora non ha ancora ricevuto quanto dovuto è bene che si rilassi. Le procedure saranno espletate nei tempi prestabiliti. Per ogni genere di dubbio basta accedere alla propria area personale del portale dell’Inps avvalendosi delle credenziali Spid. Senza queste ultime non è possibile effettuare questo genere di operazioni.