Carta Acquisti 2022, un aiuto tra i rincari: chi sono i beneficiari

La Carta Acquisti permette di acquistare beni di prima necessità. Scopriamo chi sono i beneficiari dell’agevolazione nel 2022 e come funziona.

Le persone in difficoltà economica possono richiedere la Carta Acquisti e ricevere 80 euro da spendere per comprare beni primari.

Carta Acquisti 80 euro
Adobe Stock

La pandemia ha reso necessaria l’attivazione di un cospicuo numero di Bonus e agevolazioni per aiutare famiglie e imprese in difficoltà. La crisi economica amplificata dalla diffusione del Covid 19 e, ora, dalla guerra in Ucraina sta gravando pesantemente sulle spalle dei cittadini e tante, troppo persone non riescono ad affrontare gli innumerevoli rincari degli ultimi mesi. Nonostante tentativi di risparmio sulla spesa alimentare, sul carburante e sui consumi di luce e gas, lo stipendio non basta per sopravvivere ad una situazione surreale. Da qui l’esigenza di attivare anche nel 2022 la Carta Acquisti per sostenere chi si trova in maggiore difficoltà.

Carta Acquisti, chi sono i beneficiari

La Carta Acquisti può essere richiesta dalle persone di età superiore ai 65 anni in possesso di cittadinanza italiana, di cittadinanza di un Paese dell’Unione Europea, familiari di un cittadino italiano, prive di cittadinanza di uno Stato membro UE, titolari di permesso di soggiorno oppure del diritto di soggiorno permanente.

Altri requisiti sono l’iscrizione all’Anagrafe della Popolazione Residente, un ISEE inferiore a 7.120,39 euro e non essere titolari di più di una utenza domestica. Inoltre, non si dovranno ricevere trattamenti assistenziali o pensionistici di importo superiore a 7.120,39 euro oppure 9.493,86 euro per chi ha un’età superiore ai 70 anni. Ultima condizione necessaria è il non essere proprietari con quota pari o superiore al 25% di un’immobile ad uso abitativo.

Come funziona l’agevolazione

La Carta Acquisti è una carta gratuita che funziona come una carta prepagata. Viene ricaricata ogni bimestre con un importo di 80 euro (40 euro al mese) spendibile per acquistare beni primari. Il riferimento è alle spese per comprare generi alimentari e medicine nelle farmacie o parafarmacie oppure per pagare le bollette della luce e del gas. Inoltre, presentando la carta è possibile ottenere sconti particolari in alcuni punti vendita.

Per poter avanzare domanda della Carta Acquisti occorre rivolgersi a Poste Italiane. L’inoltro dovrà avvenire in forma cartacea e tra la documentazione da presentare dovrà esserci la fotocopia del documento di identità del richiedente e la certificazione ISEE in corso di validità.