La spesa del risparmio: i consigli per riempire il carrello senza svuotare il portafoglio

Fare la spesa con un risparmio fino a 100 euro al mese è possibile conoscendo alcune semplici indicazioni da seguire. Scopriamo quali sono per non svuotare il portafoglio.

Se risparmio è la parola d’ordine è necessario seguire alcuni consigli che permetteranno di riempire il carrello della spesa senza spendere cifre esagerate.

spesa risparmio
Adobe Stock

Ora più che mai si avverte la necessità di risparmiare. Siamo circondati da rincari di ogni genere e riuscire ad arrivare a fine mese senza toccare i risparmi sta diventando sempre più difficile. La pandemia prima e la guerra in Ucraina poi hanno creato un contesto di aumenti generali che non si riescono a frenare anzi accelerano a dismisura. Il Governo è intervenuto con qualche azione specifica ma non sufficiente per bloccare la terribile avanzata dei prezzi e a rimetterci sono i cittadini. Tra gli aumenti più visibili – oltre a quelli di luce, gas e carburante – citiamo la spesa alimentare. Alcuni prodotti hanno raggiunto costi mai visti primi e parliamo di alimenti a cui gli italiani difficilmente possono rinunciare.

La spesa del risparmio per ridurre le rinunce

La spesa alimentare grava pesantemente sul budget familiare soprattutto in questo periodo di rincari. Perfino la pasta, prodotto alla base della dieta alimentare, ha raggiunto prezzi inimmaginabili fino a pochi mesi fa e la lista delle rinunce diventa sempre più lunga. Un modo per limitare tali rinunce, però, esiste e riguarda in primis la scelta del supermercato.

Alcuni punti vendita consentono un risparmio sulla spesa maggiore rispetto ad altri. Confrontando più di un milione di prodotti si è arrivati alla conclusione che è possibile risparmiare fino a 100 euro al mese – ossia 1.200 euro in un anno – recandosi presso lo store giusto. Ebbene, i supermercati che propongono in vendita i prodotti più economici sono Famila Superstore, Auchan e Ipercoop. Seguono, poi, Conad Ipermercato, Iper e Bennet. Se la rinuncia al marchio non è ammissibile, allora la classifica cambia e vede in testa Esselunga seguita da Famila Superstore, Esselunga Superstore e Panorama.

Brand commerciali, la classifica per risparmiare

La maggior parte delle famiglie sceglie una via di mezzo tra le super marche e i prodotti economici ossia i marchi commerciali. Qualità e prezzo con un rapporto tale da poter acquistare prodotti buoni senza spendere una fortuna. In questo caso la classifica vede al primo posto Conad Ipermercato, al secondo posto Aldi e al terzo Eurospin.

Gli stessi prodotti possono arrivare ad avere differenze di prezzo doppie se non triple. Di conseguenza, in un periodo di rincari è consigliabile rinunciare all’abitudine e cominciare a vagliare altre possibilità per trovare la giusta convenienza e risparmiare sulla spesa.