Bonus contributivo e la retribuzione ci sorride: come funziona

Il Bonus contributivo 2022 consente di ottenere uno stipendio maggiore in busta paga. Vediamo come funziona e qual è il guadagno per i lavoratori.

L’INPS comunica che il Bonus Contributivo è finalmente attivo. Cerchiamo di capire qual è l’aumento netto della retribuzione.

bonus contributivo busta paga
Adobe Stock

La riforma fiscale ha introdotto il Bonus Contributivo per tutelare i lavoratori dopo l’addio del Bonus Renzi di 100 euro in busta paga. La misura si rivolge ai dipendenti che rischiavano di avere una retribuzione inferiore nel 2022 rispetto al 2021. Una prospettiva decisamente poco opportuna in un periodo di grandi rincari che interessano ogni settore economico e sociale. Gli aumenti generali stanno tartassando le famiglie e il Bonus Contributivo interviene a colmare un piccolo vuoto che avrebbe gravato ulteriormente sui cittadini. Vediamo come funziona e quale risparmio garantisce.

Bonus Contributivo, i dettagli della misura

Il Bonus nasce per tutelare i lavoratori dopo la perdita del Bonus Renzi. Si rivolge, dunque, ai dipendenti che guadagnano meno di 35 mila euro all’anno, circa 2.692 euro al mese. Prevede l’applicazione dello sgravio dello 0,8% sulla quota dei contributi a carico del lavoratore in modo tale da poter avere una retribuzione mensile maggiore. Il pericolo di uno stipendio inferiore rispetto all’anno precedente è, per ora, raggirato ma il Bonus non è una misura definitiva. Occorre sapere che lo sgravio verrà applicato eccezionalmente solamente nel 2022. L’applicazione, dunque, sarà transitoria e dal 1° gennaio 2023 ricomincerà ad essere applicata l’aliquota contributiva piena ossia del 9,19% sullo stipendio lordo. Nell’anno in corso sarà, quindi, applicata un’aliquota dell’8,39% considerando lo sgravio dello 0,8%. Da sottolineare che i contributi versati rimarranno gli stessi dato che sarà lo Stato a corrispondere il restante 0,8%.

A quanto ammonta il guadagno

Dopo la teoria è il momento di passare alla pratica per cercare di capire a quanto ammonterà l’aumento previsto nel 2022 grazie al Bonus Contributivo. Il fondo stanziato è di 1,5 miliardi di euro per coprire i contributi “mancanti” a causa dello sgravio concesso ai lavoratori dipendenti. Il guadagno sarà diverso, naturalmente, a seconda dello stipendio netto percepito.

Partiamo dall’esempio di una retribuzione netta annua di 16 mila euro. Lo sconto contributivo corrisponderà a 93 euro, poco meno del Bonus Renzi. Chi percepisce 20 mila euro guadagnerà 113 euro mentre per somme equivalenti a 25 mila euro lo sconto contributivo avrà un valore di 145 euro. Il guadagno diventa di 146 euro per chi ha un reddito annuo di 30 mila euro mentre sale fino a 173 euro per i lavoratori dipendenti con reddito di 35 mila euro, limite massimo consentito per ottenere il Bonus Contributivo.