Pensione: arrivano 210 euro in più sull’assegno, ecco per chi

Non c’è da preoccuparsi, per quanto riguarda la riforma: presto, gli italiani vedranno un aumento della loro pensione.

La riforma delle pensioni, è un tema che la politica italiana ha in conto di dover discutere, ma ora i tempi si sono allungati. Le problematiche di ciò che sta accadendo nel mondo, hanno infatti investito sicuramente anche il nostro Paese, così ora le discussioni si sono spostate su cose più imminenti. Eppure c’è già qualcosa che si muove, con l’approvazione della legge di Bilancio 2022.

Pensione INPS (Web)
Pensione INPS (Web)

Novità anche positive, per chi è uscito dal percorso lavorativo ed ha già diritto ad una pensione. Non sempre, quest’ultima è soddisfacente ed allora, ecco alcune alternative per alzare l’assegno. Ma tranquilli, sembra che per molti sia arrivato anche un momento tanto atteso. Vediamo perché e come funziona tutto il processo che ci porta a poterlo pensare.

Chi vedrà l’aumento in pensione

Chiunque riceva un trattamento pensionistico, dovrebbe accorgersi dei miglioramenti, alla fine dell’anno. Questo, perché non si tratta di un aumento predisposto solo per chi presentasse determinate caratteristiche, bensì di un taglio che dovrebbe garantire a tutti i pensionati, un rientro importante. Secondo il Governo infatti, i pensionati starebbero per risparmiare 210 euro all’anno, grazie alla rimodulazione delle aliquote Irpef. Una cifra importante se calcolata sulla base della singola persona, che fa fruttare finalmente i fondi destinati all’abbassamento delle tasse. Di questi, una bella fetta è stata destinata all’Irpef, 2,17 miliardi.

Come sappiamo ora, ognuno di noi quanto andrà esattamente a risparmiare? Allora, da calcolare che i pensionati della fascia tra 15mila e 28mila euro, andranno a salvare 167 euro all’anno. Per chi invece ha una pensione ben più alta, 50-55mila euro, il taglio fiscale sarebbe di circa 744 euro all’anno. Praticamente, chi vedrà il miglioramento maggiore, è una minima fascia di pensionati, più o meno 96mila in tutto il Paese. Sapete quanti sono quelli destinati alla fascia 15-28mila? 4,9 milioni.

Almeno si facessero le cose in fretta, anche chi non ha una pensione altissima potrebbe iniziare a vedere che il Governo mantiene le promesse. Intanto, occhio al cedolino di aprile perché per molti potrebbero esserci importanti novità. Ma il risparmio sulle aliquote di cui abbiamo parlato? Il ministero del Lavoro ha fatto sapere che se ci sono rallentamenti è ovviamente, tutto dovuto al conflitto ucraino che ora assume l’importanza maggiore, ma che nessun tema è stato accantonato. Infatti, le discussioni sulle pensioni, si riavvieranno a breve.