Ticket sanitari, e ora arrivano i guai! Il Fisco richiama i furbetti

Ticket sanitari, al via le verifiche delle esenzioni e dei pagamenti. Migliaia di verbali sono già stati spediti e tanti altri arriveranno molto presto. 

L’invito è di regolarizzare la propria posizione per non incorrere in sanzioni. Il Fisco richiama all’ordine migliaia di contribuenti.

ticket sanitari controlli
Adobe Stock

Troppi ticket sanitari non pagati, le lamentele delle ASL arrivano al Fisco e fanno scattare i controlli. Le autocertificazioni devono essere verificate per appurare che le dichiarazioni di esenzione totale da parte di tanti cittadini siano reali. Le truffe sui requisiti di accesso alle agevolazioni si riscontrano spesso e per questo motivo è necessario un monitoraggio continuo e efficace. Al riguardo sono già partiti migliaia di verbali e molti altri verranno spediti nei prossimi giorni. E’ caccia al furbetto di turno, o la posizione verrà regolarizzata o si pagheranno sanzioni.

Ticket sanitario, controlli e multe in agguato

L’esenzione dal pagamento del ticket sanitario è prevista solamente se si soddisfano particolari requisiti reddituali oppure soffrendo di patologie rare o malattie croniche. Dove manca la certificazione di un medico perché la condizione soddisfatta è di diversa tipologia, è possibile ricorrere ad un’autocertificazione. Ebbene, questo è il metodo più utilizzato per truffare lo Stato. Ora il Fisco sta procedendo con l’identificazione dei furbetti e l’invio dei verbali in cui si comunica di dover procedere il prima possibile con il pagamento dei ticket sanitari indebitamente non corrisposti.

I verbali riportano l’importo da pagare per i ticket non versati, gli interessi legali applicati e i costi per l’inoltro della notifica.

Come può agire il cittadino

Secondo la Legge, il cittadino ha 60 giorni di tempo per versare quanto dovuto e regolarizzare la posizione con il Fisco. Dovranno procedere in tal senso tutti i furbetti che hanno realmente approfittato di finti requisiti per non pagare uno o più ticket sanitari. I “non colpevoli” dell’accusa, invece, possono contestare il verbale entro trenta giorni dalla notifica.

La memoria difensiva può essere inoltrata dai genitori di bambini di età inferiore a sei anni (titolari della prestazione di cui si è usufruito gratuitamente) e dai cittadini di età superiore a 65 anni con reddito inferiore a 38.500 euro. Questi, infatti, sono i requisiti che danno diritto all’esenzione dal pagamento del ticket sanitario. La contestazione dovrà includere la copia della dichiarazione dei redditi dell’anno precedente e la fotocopia del documento di identità. Ricordiamo, infine, che hanno diritto all’esenzione anche i percettori di pensione minima con più di 60 anni e familiari a carico in caso di reddito inferiore a 8.263,31 euro se soli o 11.362,05 se coniugati e con la maggiorazione di 516,46 euro per ogni figlio a carico. Allo stesso modo, sono esenti i disoccupati con familiari a carico.