Risparmio luce, gas e acqua: le agevolazioni da richiedere nel 2022

Per un risparmio su luce, gas e acqua è possibile approfittare di diverse agevolazioni nel 2022. Vediamo i bonus indicati per affrontare i rincari.

Le famiglie che si trovano in difficoltà economica possono richiedere divere agevolazioni per risparmiare sulle spese in bolletta.

risparmio luce e gas
Adobe Stock

Non solo Bonus Energia per un risparmio in bolletta. Il Governo ha attivato varie misure per sostenere economicamente le famiglie in difficoltà in questo difficile periodo di rincari generali. Il Bonus Energia è sicuramente l’aiuto più conosciuto, quello che prevede uno sconto direttamente in bolletta soddisfacendo alcuni requisiti reddituali. Esistono, poi, altre interessanti occasioni da conoscere per affrontare gli onerosi costi di luce, gas e acqua a cui si può avere accesso rispettando specifiche condizioni. Ci riferiamo alla rateizzazione delle bollette, agli sconti per i titolari di Legge 104 e agli aiuti economici per chi è in difficoltà.

Risparmio luce e gas, come chiedere la rateizzazione del pagamento

Il Governo ha deciso di consentire ai cittadini di rateizzare il pagamento delle bollette di luce e acqua distribuendo i costi su dieci rate mensili senza il versamento di interessi. La possibilità è dedicata ai clienti di utenze domestiche del mercato libero e di quello tutelato e si riferisce alle bollette di luce e gas. La rateizzazione prevede il pagamento di una prima rata corrispondente a metà dell’importo con la restante metà suddivisa in rate successive. Il numero delle rate varia da due a dieci e dipenderà dall’importo. Se inferiore a 50 euro si potrà spalmare in meno di dieci rate ma in un numero comunque superiore a due. I versamenti dovranno essere puntuali perché in caso di mancato pagamento il gestore dell’utenza domestica potrà interrompere la fornitura di luce o gas.

Titolari di Legge 104, le agevolazioni da richiedere

Per i titolari di Legge 104 è previsto uno sconto in bolletta se la patologia richiede l’uso di apparecchi elettromedicali salva vita. Carrozzine elettriche, sollevatori mobili o fissi, polmoni d’acciaio, concentratori di ossigeno, nutripompe, apparecchiature per dialisi, letti per la prevenzione dalle piaghe da decubito sono alcuni dei macchinari che consentono di avere accesso all’agevolazione.

Per ottenere i benefici della misura occorrerà inoltrare richiesta all’INPS allegando alla domanda la certificazione ASL della necessità dell’utilizzo delle apparecchiature salvavita e specificando il tipo di macchinario, le ore di utilizzo al giorno, l’indirizzo di installazione del macchinario e la gravità delle condizioni di salute. Inoltre, occorrerà indicare i dati del contratto di fornitura e il codice POD nonché sarà necessario includere copia del documento di identità e del codice fiscale.

ISEE e agevolazioni per un risparmio su luce, gas e acqua

Oltre ai più o meno noti trucchi da mettere in pratica per risparmiare sui consumi in casa, occorre tenere conto della possibilità di ottenere agevolazioni economiche soddisfacendo alcuni requisiti reddituali. I nuclei familiari con ISEE inferiore a 8.265 euro oppure 20 mila euro se con almeno 4 figli a carico possono ottenere il citato Bonus Energia. Superando la soglia di 8.265, però, è bene sapere che i percettori di Reddito di Cittadinanza possono ugualmente approfittare di sconti in bolletta. Il tutto avverrà automaticamente con un confronto delle informazioni da parte dell’INPS. Il cittadino dovrà solamente inviare la DSU e aggiornare l’ISEE per entrare nel sistema e accedere all’agevolazione se si dovessero soddisfare i requisiti previsti.