Risparmio, parola d’ordine per tante famiglie italiane. L’obiettivo è raggiungibile valutando abitudini e conoscendo trucchi che permetteranno di evitare un conto in rosso. 

risparmio in casa
Adobe Stock

Riuscire a risparmiare in casa è un obiettivo – o forse una sfida – per tantissime famiglie. L’idea di riuscire a mettere da parte qualche risparmio invece di arrivare a fine mese con il nodo alla gola è allettante ma spesso non si riesce a mettere in pratica. Il pensiero corre veloce alle bollette da pagare e ai consumi che interferiscono notevolmente sulle spese mensili. Alcune tattiche sono conosciute, spegnere la luce quando si esce da una stanza, evitare di aprire continuamente il frigorifero, utilizzare gli elettrodomestici in specifiche fasce orarie, ma non tutti sanno che alcuni particolari possono influire notevolmente sui costi a lungo termine.

Il risparmio in casa, un particolare a cui prestare attenzione

Piccoli cambiamenti alle abitudini quotidiane possono aiutare ad ottenere un risparmio interessante sulle spese di casa. Alcuni comportamenti sbagliati sono facilmente individuabili e risolvibili mentre altre situazioni sono più difficili da rilevare. Due particolari che spesso non vengono considerati quando si affronta il tema del risparmio riguardano la dispersione e l’efficienza della propria casa. Le conseguenze di questi due elementi possono influire notevolmente sui costi a lungo termine.

Perché pagare di più quando il problema potrebbe essere risolto grazie al Superbonus 110%? Parliamo di un incentivo che riguarda proprio i grandi lavori di ristrutturazione volti ad un efficientamento energetico. Non solo, tanti altri dettagli possono aiutare a superare le problematiche legati alla dispersione e all’efficienza. Il colore, ad esempio, ha un potere riflettente che se associato alla temperatura potrebbe consentire un notevole risparmio. Si pensi alle mura esterne delle case del Sud, territorio in cui la temperatura è normalmente più alta.

Altri trucchi per ridurre i costi in casa

Abbiamo accennato all’inizio del paragrafo precedente a piccoli cambiamenti di abitudini che possono aiutare nel risparmio in casa. Il riferimento è all’uso degli elettrodomestici e ai metodi per ridurre i consumi. In generale, è consigliabile affrontare una spesa iniziale e sostituire i vecchi apparecchi con quelli di nuova generazione di classe A+++. Nel tempo si recupererà la cifra pagando meno in bolletta. Per ogni elettrodomestico, poi, occorrerà informarsi sui metodi che garantiscono una diminuzione dei consumi. Nell’uso della lavatrice, ad esempio, incide il prelavaggio; per la lavastoviglie occorre fare attenzione all’asciugatura mentre per il forno bisogna accertare le modalità del preriscaldamento.