Naspi, con pochi giorni di lavoro si può chiedere l’indennità: le novità

Naspi, novità sull’indennità di disoccupazione 2022. Ora è possibile richiederla anche se i giorni di lavoro sono pochi.

La Legge di Bilancio ha reso la Naspi maggiormente fruibile dai cittadini che hanno perso il lavoro non per proprie responsabilità. Conosciamo le nuove direttive.

Naspi richiesta
Adobe Stock

La Naspi è l’indennità riservata a chi ha perso il lavoro e necessita di un sussidio mentre è alla ricerca di un’altra occupazione. L’accesso alla misura è riservato ai richiedenti che possiedono specifici requisiti. Le condizioni, però, sono cambiate con l’ultima Legge di Bilancio e sono meno stringenti per i cittadini. Il Governo, infatti, vuole sostenere la popolazione data la crisi economica provocata dalla pandemia e le drastiche conseguenze che si stanno vivendo adesso a causa dello scoppio della guerra in Ucraina. Il tema del lavoro è stato ampiamente affrontato dall’esecutivo soprattutto in termini di ammortizzatori sociale. E le novità introdotte sono ben gradite da alcune categorie di lavoratori.

Naspi 2022, le ricche novità per i lavoratori

L’ultima Legge di Bilancio ha semplificato l’accesso alla Naspi per i lavoratori che perdono il lavoro nel 2022. In particolare, è stato bloccato – forse temporaneamente – uno dei requisiti di accesso alla misura. Il riferimento è alle trenta giornate obbligatorie di lavoro effettivo nei dodici mesi precedenti all’interruzione dell’attività occupazionale. La decisione è stata presa in seguito agli eventi degli ultimi due anni. Le restrizioni dovute al Covid 19, la chiusura di tante attività a causa della crisi economica, la fatica nel rialzarsi dopo un periodo di scarse entrate hanno reso difficile per i lavoratori sia lavorare che trovare una nuova occupazione una volta persa quella precedente. Da qui lo stop ad uno dei requisiti di accesso alla Naspi. Ma le novità non finiscono qui.

Importi e condizioni nell’anno in corso

Un’altra importante novità riguarda gli importi della Naspi. La Legge di Bilancio ha stabilito lo slittamento del taglio del 3% al mese sulla fruizione dell’indennità da quattro a sei mesi. Inoltre, per gli over 55 rimasti senza lavoro il taglio inizierà a partire dall’ottavo mese di fruizione della misura.

Le altre condizioni, invece, rimangono invariate per l’anno in corso. Per ottenere la Naspi occorrerà avere accumulato almeno tredici settimane di lavoro effettivo nei quattro anni precedenti alla perdita dell’occupazione. Tale perdita, poi, dovrà essere involontaria – non sono ammesse le dimissioni a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa – e il richiedente dovrà trovarsi in stato di disoccupazione.