Richiesta invalidità civile, cambia tutto nel 2022: attenzione alla nuova procedura

La richiesta di invalidità civile cambia forma nel 2022. A comunicarlo è l’INPS insieme alle nuove indicazioni da seguire per poter ottenere l’erogazione dell’assegno.

Nuovo sistema di inoltro della domanda per ottenere l’assegno di invalidità civile. Scopriamo quali sono le nuove direttive rese note dall’INPS.

richiesta invalidità civile
Adobe Stock

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha reso noto il nuovo sistema di richiesta di invalidità civile. Importanti modifiche sono state messe in atto e tutti i cittadini con inabilità tale da poter richiedere l’erogazione dell’assegno – ricordiamo che percentuali di gravità differenti danno diritto ad agevolazioni diverse – devono conoscerle per non sbagliare la procedura. I cambiamenti riguardano sia la modalità di inoltro della domanda che l’invio della documentazione necessaria per attestare la sussistenza dei requisiti richiesti per consentire all’INPS l’erogazione della somma spettante.

Richiesta invalidità civile, cosa è cambiato

I cittadini che intendono ottenere il riconoscimento dell’invalidità civile con conseguente erogazione dell’assegno dedicato per portare a termine la procedura devono conoscere le nuove direttive relative all’anno 2022. Il messaggio da consultare per conoscere le modalità introdotte dall’INPS è il numero 926 pubblicato dall’ente lo scorso 26 febbraio.

Le modifiche riguardano sia i cittadini che chiedono per la prima volta l’accesso alla prestazione sia i percettori che già beneficiano della misura e che devono periodicamente dimostrare di soddisfare i requisiti necessari per continuare ad ottenere l’erogazione dell’assegno. Il nuovo sistema creato dall’INPS si baserà su una nuova procedura amministrativa che ogni beneficiario dovrà seguire per inoltrare la richiesta. Si tratta di una modalità più pratica e semplice che agevolerà di richiedenti.

Le fasi da seguire

Il cittadino che deve sottoporsi ad un controllo periodico riceverà una comunicazione nei quattro mesi precedenti alla visita. In tal modo l’INPS inviterà il soggetto a consegnare la documentazione necessaria tramite il servizio telematico dell’ente accedendo al portale con le credenziali digitali. Tra i documenti dovrà essere inclusa la documentazione Sanitaria Invalidità Civile. L’invio dei documenti dovrà avvenire entro 40 giorni. Nel frattempo si potrà fissare l’appuntamento della visita di controllo.

Nel caso in cui il cittadino inviasse una documentazione incompleta, l’INPS predisporrà una visita medica diretta presso l’Unità operativa semplice o complessa (in base ai casi) comunicando tramite posta raccomandata la data dell’appuntamento. E’ facoltà del soggetto poter chiedere un rinvio della visita di controllo solamente attestando l’impossibilità di recarsi all’appuntamento nel giorno stabilito.

Chi sono i destinatari dell’invalidità civile

Il limite reddituale per l’anno 2022 da non superare per poter ottenere l’assegno di invalidità civile è di 17.050,42 euro per ciechi, sordi, invalidi totali e sordomuti. Per gli invalidi parziali e minori, invece, la soglia limite è di 5.010,20 euro.