Esenzione per invalidità civile, c’è la lista definitiva: chi può richiederla

Come ottenere l’esenzione per invalidità civile e a chi farne richiesta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Come fare ad ottenere l‘esenzione per invalidità civile e quali sono le agevolazioni previste? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

invalidità civile esenzione
Foto © AdobeStock

Anche nel 2022, purché in possesso di determinati requisiti, è possibile richiedere il riconoscimento dello stato di invalidità civile. Entrando nei dettagli ricordiamo che vengono considerati invalidi civili i soggetti affetti da minorazioni congenite o acquisite che provocano una riduzione permanente della capacità lavorativa non inferiore a un terzo.

Se minori di 18 anni, invece, viene riconosciuto nel caso in cui i soggetti interessati riscontrino delle difficoltà persistenti nello svolgere i compiti e le funzioni della propria età. Ebbene, proprio in tale ambito si invita a prestare attenzione alle agevolazioni a cui si ha diritto con l’esenzione per invalidità civile. Ma come ottenerla e a chi farne richiesta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Esenzione per invalidità civile, occhio alle agevolazioni: come farne richiesta

Anche quest’anno è possibile presentare richiesta per l’Ape sociale, con molti invalidi civili che potranno andare in pensione prima. Sempre in tale ambito sono in molti a chiedersi come fare per ottenere il riconoscimento dell’esenzione per invalidità civile e quali sono le agevolazioni a cui si ha diritto.

Ebbene, come è facilmente intuibile, il riconoscimento dell’esenzione in questione è strettamente collegato alla certificazione di invalidità civile. Per poter ottenere il riconoscimento dello stato di invalidità bisogna quindi rivolgersi al proprio medico che provvede a rilasciare un certificato introduttivo che deve essere inviato telematicamente all’Inps.

Entro 90 giorni, quindi, il soggetto richiedente deve presentare domanda di invalidità all’Inps. L’istituto di previdenza sociale, a sua volta, convoca il soggetto interessato per svolgere una visita medica. È quindi compito della commissione medica valutare lo stato di salute. Se avente diritto, pertanto, si ottiene la certificazione di invalidità civile.

Una volta ottenuta tale certificazione bisogna rivolgersi alla propria Asl di residenza e presentare la documentazione attestante lo stato di invalidità. In questo modo è possibile ottenere l’attestato di esenzione per invalidità che, sottolineiamo, non è influenzato in alcun modo dal reddito del soggetto richiedente.

Esenzione per invalidità civile: le categorie aventi diritto

In base a quanto si evince dal sito del Ministero della Salute, hanno diritto all’esenzione per invalidità civile le seguenti categorie:

  • C01 Invalidi civili al 100% di invalidità senza indennità di accompagnamento;
  • C02 Invalidi civili al 100% di invalidità con indennità di accompagnamento;
  • C03 Invalidi civili con riduzione della capacità lavorativa superiore a 2/3 dal 67% al 99% di invalidità;
  • C04 Invalidi minori di 18 anni con indennità di frequenza ex art. 1 L. 289/90 (ex art.5 D.lgs. 124/98);
  • C05 Ciechi assoluti o con residuo visivo non superiore a 1/10 ad entrambi gli occhi riconosciuti dalla Commissione Invalidi Ciechi Civili;
  • C06 Sordomuti, ovvero chi è colpito da sordità dalla nascita o prima dell’apprendimento della lingua parlata.

Per finire ricordiamo che, sempre in base a quanto si evince dal sito del Ministero della Salute, l’esenzione per invalidità non include le prestazioni farmaceutiche. Al fine di poter ottenere informazioni in merito alla compartecipazione al costo sui farmaci di fascia A, così come previsto da alcune norme regionali, quindi, è necessario rivolgersi alla propria Asl di residenza.