Russia-Ucraina, a rischio anche i nostri risparmi: come gestirli per non perdere soldi

Crisi in Europa, cresce la preoccupazione sulla gestione dei risparmi e degli investimenti durante un conflitto vicino a casa nostra. Scopriamo le dritte per non perdere soldi.

I piccoli investitori tremano dinanzi all’ombra della guerra in atto tra Ucraina e Russia. Il pensiero di perdere i propri soldi spaventa, vediamo le mosse da conoscere in questa drammatica situazione.

crisi Europa risparmi investimenti
Adobe Stock

Due anni di pandemia hanno causato una crisi economica mondiale. L’illusione di un ritorno alla normalità e di una ripresa economica ma anche sociale è durata poco. Putin ha agito tra l’indignazione e la rabbia generale e ora è guerra tra Russia e Ucraina. Le preoccupazioni legate all’evento sono di varia natura – gli aumenti dei prezzi di gas, luce e prodotti alimentari sono tra le conseguenze previste – e coinvolgono anche i piccoli risparmiatori. La paura è di non saper gestire correttamente i risparmi accumulati sui conto correnti e gli investimenti effettuati. Occorre prendere un bel respiro, ritrovare la lucidità e seguire alcuni consigli degli esperti.

Guerra Russia-Ucraina, tra il caos generale il prezzo del gas scatenerà un altro conflitto

Crisi in Europa, i risparmi si tutelano con la pazienza

Cadere nel panico e nella paura di perdere tutto porta a conseguenze non gradite. Guardando ad un recente passato si impara, infatti, che le crisi – anche quelle più brutte – si possono superare. Nel mese di marzo 2020 abbiamo assistito ad una perdita dei titoli azionari tra il 35 e il 40%. Si ipotizzava la fine del mondo, la perdita di ogni bene e invece la situazione si è regolarizzata anche se lentamente e in tempi differenti da mercato a mercato.

Libretti di risparmio, nuovo avviso di Poste Italiane: titolari, attenzione!

Gli investitori sono riusciti a recuperare quanto perso in pochi mesi e alcuni hanno anche guadagnato nel lungo termine. Ora siamo ritornati in una situazione di crisi, i mercati di tutto il mondo hanno chiuso in negativo e le previsioni sono tornate nuovamente funeste. Le perdite sono possibili, è inutile negarlo, ma solo mantenendo pazientemente la propria posizione e non cedendo al panico si potrà superare il momento e recuperare. Ricordiamo, infatti, che è solo l’atto di vendita che comporta un guadagno oppure una perdita.

Investire in beni rifugio e diversificare il portafoglio

La sicurezza è legata al rischio di un investimento. Più una speculazione è rischiosa più le possibilità di perdere tutto sono elevate. Di conseguenza è consigliabile optare per una diversificazione del portafoglio in modo tale da avere investimenti più sicuri in cui la perdita del capitale è una possibilità remota e pochi investimenti più rischiosi (quelli che permettono guadagni più elevati).

In un periodo di crisi è bene evitare di pensare al guadagno ed optare per la sicurezza. A tale scopo è consigliabile investire nei beni rifugio quali l’oro, il mattone, i diamanti e ogni valuta pregiata che mantiene nel tempo il suo valore nonostante i drammatici contesti.