Pensione: le città dove si vive benissimo con un assegno da 700 euro al mese

La pensione italiana alle volte non consente di trascorrere una vecchiaia dignitosa nel Bel Paese, per questo molti anziani decidono di andare altrove

In giro per l’Europa sono diverse le mete che abbinano qualità della vita e risparmio. Spesso sono località esotiche, ma ci sono anche altre opzioni valutabili.

Pensione
Fonte Adobe Stock

La pensione è ormai diventato un argomento scottante in Italia. Tra riforme tardive e soluzioni non propriamente soddisfacenti per i beneficiari, sono sempre più numerose le problematiche per i pensionati.

In più bisogna aggiungere che l’uscita dal lavoro è sempre più lontana. Si tratta di una conseguenza del fatto che l’Italia è ormai un “paese di vecchi” e per lo Stato diventa dura far fronte a tutte queste richieste, che naturalmente gravano sul bilancio.

Pensione, occhio alle 2 sorprese di marzo 2022: cosa c’è da aspettarsi

Pensione: le località europee dove con 700 euro al mese si può vivere nel lusso

Alla luce di questo scenario, negli ultimi anni è aumentato in maniera piuttosto considerevole il fenomeno dell‘emigrazione dei pensionati italiani. Nel vecchio continente infatti ci sono diverse opportunità per passare la terza età potendosi permettere tutti i comfort del caso con un assegno pensionistico di 700 euro al mese.

Senza andare troppo lontano, Durazzo in Albania può essere una buona soluzione. Molti connazionali hanno deciso di investire lì, visto che la città offre un buon clima, incantevoli spiagge e un costo della vita “quasi irrisorio” per chi è abituato ai canoni italiani. Con “appena” 50mila euro si può acquistare una casa di 100 metri quadri e con 10 euro si può andare a mangiare tranquillamente al ristorante.

Poco più su anche Sarajevo (capitale della Bosnia Erzegovina) consente spese contenute per alcune importanti attività quotidiane. Basti pensare agli affitti in centro che costano mediamente 200 euro e quelli in periferia anche 100 euro.

Non può mancare la rassegna la Romania, nella fattispecie Timisoara (600 km da Bucarest) dotata di un aeroporto internazionale ben collegato con l’Italia. Con 400mila abitanti e tanto verde è una delle mete ideali per i pensionati italiani. L’affitto di un appartamento nel cuore della città non va oltre i 300 euro mensili, mentre l’acquisto comporta un esborso di 1300 euro al metro quadro.

Pensione di reversibilità, quali documenti servono per presentare domanda: meglio prepararsi

Passando il confine, la Bulgaria propone Varna come meta ideale per gli anziani. Ristoranti a 10 euro e case in affitto a 250 euro al mese sono i punti di forza di questa ridente località sul Mar Nero. Inoltre, il clima è favorevole anche d’inverno, il che è un plus importante per i pensionati provenienti dallo stivale che da sempre sono avvezzi a temperature gradevoli un po’ tutto l’anno.

Per gli amanti delle basse temperature Leopoli in Ucraina può essere il giusto compromesso. Abbina fascino e cultura con quel pizzico di convenienza che non guasta mai. Gli affitti si aggirano sulla medesima fascia di prezza della Romania mentre le acquisizioni sono ancor più economiche (1000 euro al metro quadro). Inoltre si tratta di un centro in grande espansione per quanto concerne i qualità della vita e servizi.