Gli affitti sono in aumento in tante città italiane. In alcuni casi la crescita supera il 10% descrivendo un quadro della situazione poco rassicurante.

Affitti città più care
Adobe Stock

Potevano non aumentare gli affitti in un momento storico in cui aumenta anche il costo del pane, della pasta e del caffè? Ogni cosa sembra aumentare di valore nel 2021 e ciò non è un bene per i cittadini che si ritrovano a dover affrontare un oneroso rincaro del costo della vita. L’anno nuovo porterà aumenti in busta paga e nel cedolino della pensione ma saranno sufficienti per consentire a tutte le famiglie residenti in Italia di mantenere almeno lo standard qualitativo di vita dell’anno in corso? I dubbi sono reali e a confermalo c’è l’indagine di SoloAffitti i cui risultati non sono assolutamente incoraggianti.

Aumenti degli affitti in tutta Italia

La situazione è chiara, in quasi tutte le città italiane i canoni di affitto saranno più cari ma in alcuni comuni ancor più che in altri. La crescita media del 2021 rispetto all’anno precedente si è attestata sul 2,6%. Causa principale del decollo è il ritorno degli studenti universitari nelle grandi città dopo la chiusura delle sedi a causa della pandemia. Inoltre, tutte le attività in generale stanno pian piano ricominciando, anche nei centri medio-piccoli, portando un aumento dei costi degli affitti.

La percentuale maggiore tra le categorie di residenti in affitto è relativa proprio agli studenti fuori sede, ben il 21,8%. Il canone medio è di 585 euro, una cifra inferiore rispetto a quella del  2018, 2019 ed inizio 2020 ma in costante risalita. E’ rilevante notare come la città con l’aumento maggiore sia Catanzaro con un incremento dell’11%. Seguono Trento e Perugia con il 9%.

Altre città con una crescita dei costi degli affitti

Sul podio abbiamo trovato Catanzaro, Trento e Perugia. Altre città caratterizzate dagli aumenti degli affitti sono Roma e Genova con cinque punti percentuali e Napoli, Palermo e Torino con il 3%. Vengono a ruota Milano e Firenze con un rincaro dell’1%. E’ interessante notare, però, che alcuni comuni hanno fatto registrare una diminuzione dei costi degli affitti. Parliamo di Potenza con -1%, Venezia e Cagliari con -2% e Campobasso con -6%. 

In generale, è stato rilevato un aumento medio del 4,6% nelle grandi città e dell’1,6% nei comuni medio-piccoli.

Leggi anche >>> Città per nababbi: ecco dove si spende di più al mondo

Gli affitti più cari in quali città li troviamo

La città con il canone di affitto più caro rimane Milano con un importo di oltre mille euro per 70 metri quadrati. Segue Roma con un affitto medio di 835 euro e Trento con 749 euro. Molto cara anche Bologna, con un costo medio di 710 euro al mese. Infine, nel sud Italia le città con affitti più onerosi sono Palermo con 527 euro e Napoli con 589 euro.