Se elettricisti e idraulici sparano alto ci si può rifiutare di pagarli?

Cosa prevede la legge in caso di prezzo spropositato da parte di elettricisti e idraulici per dei lavori domestici? Chi commissiona i lavori può decidere di non pagare? 

Idraulici ed elettricisti
Fonte Adobe Stock

Avere dei problemi in casa con l’impianto elettrico o quello idrico è ormai ordinaria amministrazione. Il problema è sapere a chi affidarsi sia per avere garanzie sulla qualità della riparazione, sia per evitare un esborso economico ingente.

Se non si hanno delle conoscenze in tal senso può capitare che qualcuno possa approfittarsene per cercare di guadagnare qualcosina in più. Un aspetto anche lecito che però non deve trascendere nell’esagerazione e nel prendersi gioco del prossimo. 

Idraulico: quanto guadagna e qual è il costo degli interventi più comuni

Elettricisti e idraulici chiedono troppo: si può non pagarli? Cosa dice la giurisprudenza a riguardo

In virtù di ciò non è difficile ipotizzare che si possano avere delle divergenze per quanto concerne il prezzo finale del lavoro, ma a quel punto come ci si deve comportare? Colui che ha tratto beneficio dalle riparazioni o dalle installazioni secondo quanto previsto dalle norme in vigore, non può rifiutarsi di pagare qualora l’esborso complessivo sia dovuto a problemi imprevedibili al momento del preventivo.

Tuttavia esiste un’unica casistica che dà ragione al cliente, ma si tratta di un errore commesso in fase di calcolo da parte dell’elettricista o idraulico di turno. Se al momento del preventivo avviene un errore di stima della spesa, allora si può rifiutare il pagamento.

Stando alle leggi esistenti, l’avventore nei casi di palese sbaglio può protestare ed evitare spese folli. Per questo è sempre bene essere chiari quando si ratifica un accordo prima dell’inizio dei lavori.

Lavorare dopo la pensione, attenzione: le regole che è meglio conoscere

Scongiurare fraintendimenti è alla base di una buona collaborazione. L’altra componente che non bisogna mai trascurare è la buona fede. Chi chiede determinati accorgimenti deve avere l’onesta di pagare quanto dovuto.

Al contempo chi effettua i lavori non deve trarre vantaggio da situazioni in cui ci trova di fronte a persone inesperte o magari non propriamente coscienti (si pensi ad un povero anziano che ha bisogno di riparare una perdita in bagno).