Qual è il costo di un libretto degli assegni nel 2022: banche a confronto

Il costo del libretto degli assegni varia in base alla banca di riferimento. Scopriamo gli importi possibili mettendo gli istituti di credito a confronto.

libretto assegni costo
Adobe Stock

Il titolare di un conto corrente ha la possibilità di richiedere ed ottenere un libretto degli assegni dal momento in cui apre il conto. Il carnet si potrà utilizzare come metodo di pagamento tracciabile – indispensabile per tenere lontani i controlli del Fisco – alternativo al bonifico oppure ad una carta di credito. L’assegno può servire per versare cifre di importo variabile, per effettuare acquisti oppure per saldare dei debiti. Differenti funzionalità, tutte molto utili, ma quanto costa richiedere il libretto nel 2022? La risposta è legata alla banca di appartenenza.

Conto corrente, occhio all’importo massimo per il bonifico: la verità che non ti aspetti

Costo del libretto degli assegni, banche a confronto

Il correntista che desidera fare domanda di un carnet di assegni dovrà pagare la richiesta e l’invio del blocchetto. L’istituto di credito, infatti, spedirà il libretto per posta con tempi di consegna variabili e un costo compreso tra due e tre euro. Oltre al pagamento citato, la banca chiederà al titolare del conto di corrispondere importi differenti per coprire altre spese.

Inps, tre anni di assegni arretrati: basta un ricalcolo contributivo

Il costo di un primo carnet è generalmente pari a zero – si tratta di un blocchetto di dieci assegni. Il richiamo di ulteriori dieci assegni, invece, richiederà un versamento di importo differente. Unicredit, ad esempio, prevede un costo di 15 euro per il secondo libretto degli assegni se su altre banche e di 10 euro se su un istituto del Gruppo Unicredit Banca. Hello Bank!, invece, fa pagare il rilascio del primo carnet 4,50 euro; Ing Direct richiede 7,50 euro e BNL 4,50 euro. Torna a zero la richiesta del primo libretto IwBank con 1,50 euro per l’imposta di bollo.

Come richiedere un carnet

Nel momento in cui si apre un conto corrente – tradizionale oppure online – il correntista dovrà avanzare richiesta del carnet di assegni. In alternativa potrà decidere in un secondo momento di inoltrare la domanda. Il libretto è, nella maggior parte dei casi, composto da dieci assegni ma alcune banche lo propongono con venti assegni. Ogni pezzo è numerato e può essere staccato per procedere con il pagamento. La matrice rimarrà al titolare, il vero assegno verrà consegnato al destinatario del versamento.

La richiesta potrà avvenire in filiale oppure contattando il Servizio Clienti (come per Hello Bank!). Ricordiamo che alcune banche prevedono delle limitazioni di accesso al servizio. Ing Direct, ad esempio, non consente la richiesta dal carnet a chi ha un saldo inferiore a 3 mila euro oppure a chi ha ancora a disposizione anche un solo assegno del vecchio carnet.