Il conto corrente continua ad essere nel mirino dei cybercriminali. Una nuova pericolosa truffa imperversa e il rischio per i correntisti è di trovarsi senza soldi.

conto corrente truffa
Adobe Stock

I correntisti sono le vittime preferite dei truffatori telematici. Tentativi di phishing e smishing si succedono uno dopo l’altro e tanti cittadini cadono nelle trappole. I piani dei cyber criminali diventano sempre più elaborati e riuscire a distinguere le comunicazioni reali dalle truffe è molto complicato. Il 2022 è iniziato proprio con un tentativo di raggiro subdolo e alquanto temibile. Gli istituti di credito stanno segnalando il pericolo ai propri clienti specialmente a chi usa spesso bancomat e carta di credito.

Polizze fantasma, allarme truffe: così ci rifilano assicurazioni fasulle

Conto corrente, la prima truffa del 2022

I pirati informatici hanno ideato una truffa pericolosa che colpisce i correntisti dopo aver effettuato un acquisto con il bancomat o la carta di credito. Le possibile vittime, dunque, sono numerose dato che le limitazioni all’uso del contante imposte dal Governo spingono una percentuale sempre maggiore di cittadini ad utilizzare mezzi di pagamento tracciabili. La prima truffa del 2022 si presenta come smishing, l’invio di un sms che a prima vista sembra un comune messaggio di controllo per l’acquisto appena effettuato. In realtà si tratta di un falso sms che potrebbe svuotare il conto.

Truffa del falso incidente, la legge stanga i furbi: ecco cosa si rischia

L’apparenza inganna, il messaggio sembra arrivare dalla Banca Intesa Sanpaolo. Il numero, infatti, sembrerebbe corrisponde a quello che l’istituto di credito utilizza per inviare codici operativi ai clienti. Il contenuto dell’sms è volto a spaventare il destinatario. Avvisa, infatti, del tentativo di utilizzo della carta da un altro dispositivo. Una truffa, dunque, che si appoggia alla paura di un possibile raggiro per raggiungere i biechi scopi.

Come riconoscere il tentato raggiro

Il testo del messaggio della truffa svuota conto corrente invita il destinatario a cliccare su un link per verificare l’operazione effettuata con il bancomat o la carta di credito. Cliccando sull’indirizzo – cosa da non fare assolutamente – si verrebbe rinviati ad una pagina simile all’home page dell’istituto di credito e si riceverebbe una telefonata di un finto operatore il cui compito sarebbe quello di risolvere la problematica con le credenziali fornite dal cliente.

Mai fornire questo tipo di informazioni al telefono, tramite sms o e-mail. Si tratta di raggiri che i pirati informatici mettono in atto per avere facile accesso al conto corrente e svuotarlo.