Buone notizie in arrivo per molti titolari di partita Iva che potranno beneficiare di un bonus fiscale da 10 mila euro nel caso in cui decidano di utilizzare, dal 2022, questi prodotti. Ecco di quali si tratta.

contributi Inps plastica
Foto © AdobeStock

Da pochi giorni abbiamo salutato il 2021 e la speranza di tutti è che il 2022 possa portare con sé tante interessanti novità positive. Questo soprattutto dopo aver dovuto fare i conti con due anni particolarmente difficili a causa dell’impatto negativo del Covid che continua ad avere, tutt’oggi, delle ripercussioni sulle nostre esistenze, sia dal punto di vista delle relazioni sociali che economiche. Molti imprenditori, purtroppo, hanno dovuto abbassare le serrande delle proprie attività. Per questo motivo, per molti, riuscire a fronteggiare le varie spese risulta sempre più difficile.

Da qui nasce la necessità che vengano attuate delle misure ad hoc da parte dell’esecutivo, al fine di garantire un aiuto alle categorie maggiormente colpite. Ebbene, proprio in tale contesto si annoverano delle buone notizie in arrivo per molti titolari di partita Iva che potranno beneficiare di un bonus fiscale da 10 mila euro nel caso in cui decidano di utilizzare, a partire dall’anno in corso, questi prodotti. Ma di quali si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Bonus, in arrivo 375 euro per 8 mesi a queste famiglie: per un 2022 più sereno

Partite Iva, in arrivo bonus fiscale da 10 mila euro per chi utilizza questi prodotti: ecco di quali si tratta

Importanti novità in arrivo con il 2022, durante il quale sarà possibile beneficiare di vari bonus e agevolazioni. Ne è un chiaro esempio il bonus luce e gas 2022, grazie al quale sarà possibile risparmiare qualche euro in bolletta.

Ma non solo, giungono buone notizie per molti titolari di partita Iva che potranno beneficiare di un bonus fiscale da 10 mila euro nel caso in cui decidano di utilizzare, a partire dall’anno in corso, di questi prodotti. Ma di quali si tratta? Ebbene, bisogna sapere che, a partire dal prossimo 14 gennaio, molti dovranno agire in modo diretto nell’attività di riduzione dell’impatto ambientale di alcuni specifici prodotti e strumenti.

A partire da tale data, infatti, entrerà ufficialmente in vigore il decreto n. 196/2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 novembre 2021, riguardante l’utilizzo di prodotti monouso in plastica. Entrando nei dettagli ricordiamo che tale decreto prevede una serie di misure volte ad attuare quanto previsto dalla Direttiva UE 2019/904.

Partite Iva, contributo per le imprese che riducono l’utilizzo di plastica monouso

In particolare si intende ridurre la presenza di prodotti in plastica monouso sul mercato, quali cannucce, piatti, posate e altri prodotti ancora. Tutti prodotti che saranno disponibili fino ad esaurimento, per poi essere sostituiti con materiali aventi un minor impatto ambientale. Coloro che non rispetteranno tali regole, dovranno fare i conti con delle sanzioni.

Dall’altro sono previste delle importanti agevolazioni per chi contribuirà a ridurre l’uso di plastica monouso. Ne è un chiaro esempio un bonus fiscale dal valore pari a massimo 10 mila euro per ogni soggetto beneficiario, nel periodo compreso tra il 2022 e il 2024. Si tratta, in pratica, di un credito d’imposta per coloro che decidono di acquistare e utilizzare materiali e prodotti alternativi alla plastica monouso.

Green Pass obbligatorio, nuova stretta: quanto costa fare i tamponi per andare a lavoro

Tale credito d’imposta è pari al 20% della spesa sostenuta dalle imprese, per un importo massimo pari, come già detto, a 10 mila euro. Una misura indubbiamente importante, volta ad incentivare la transizione ecologica, attraverso l’utilizzo di materiali aventi un minor impatto dal punto di vista ambientale.