Utenti senza servizi in tutta Italia. Nessuna comunicazione, per ora, da WindTre. Su Twitter spopola l’hashtag #WindDown. Ecco cosa sta succedendo.

WindTre
Foto: Web

Inizia con il piede sbagliato l’anno di WindTre. L’operatore telefonico, uno dei tre maggiori in Italia, sta riscontrando da diverse ore una serie di disservizi, tanto che su Twitter è diventato rapidamente in voga l’hashtag #WindDown. A metà pomeriggio sono iniziate le prime segnalazioni in diverse città italiane, con collegamenti saltati e app non funzionanti. Il blocco, si spera temporaneo, sta interessando praticamente tutto lo Stivale, da Norda Sud. Mentre su Twitter si scatena la stizza e l’ironia degli utenti. Anche perché, almeno per il momento, non ci sono comunicazioni ufficiali da parte di WindTre. Anche il servizio del 159, infatti, è finito k.o.

Un pomeriggio particolarmente difficile per il gestore telefonico. In poco più di un’ora, oltre 11 milioni di clienti hanno segnalato dei malfunzionamenti nella rete, dati peraltro in crescita in quelle successive. Non per tutti, però, il guasto sarebbe decorso nello stesso modo. Il servizio del 159 è stato comunemente riscontrato come sospeso, mentre altri servizi, come la rete internet, hanno funzionato solo per alcuni. Il sito Downdirector ha comunque progressivamente registrato segnalazioni piuttosto simili, circa malfunzionamenti generali della rete internet. Sembra che alcuni utenti abbiano risolto la problematica modificando i dns con quelli Google.

Batosta su WindTre, via ai risarcimenti dal Codacons: cosa è successo

WindTre, caos pomeridiano: le possibili cause del disservizio

WindTre non ha inviato chiarimenti ai suoi utenti, almeno per il momento. La natura stessa del disservizio sembra non chiara, in quanto è andato manifestandosi in forme diverse. Certo è che, dopo l’intoppo di PosteMobile, il down di WindTre è stato accolto con non poca rabbia da parte degli utenti. Specie perché incorso ancora in pieno orario lavorativo, interferendo soprattutto con chi utilizzava l’hotspot. Il problema, a quanto pare, sarebbe legato ai server Dns dell’azienda. In effetti, come detto, impostando sul proprio dispositivo un diverso indirizzo IP per Dns (1.1.1.1 per esempio, oppure inserendo l’8.8.8.8 di Google) internet si rimette in funzione.

Truffa in bolletta, smascherate società partner di WindTre: cosa ci hanno fatto

I server in questione, i Domain Name System, sono di fatto coloro che rendono dei nomi come traducibili in altrettanti indirizzi IP. Quindi indispensabili per il funzionamento della rete.