Busta paga da marzo 2022: cambia tutto, c’entra anche l’assegno unico INPS. Ecco perché tra poco, le due cose saranno collegate.

lavori più pagati Italia
Foto © AdobeStock

Cambiamenti che arrivano col nuovo anno, ma per quanto riguarda questo tema, non da subito. Infatti, le buste paga riceveranno delle modifiche, a marzo del 2022. Chissà che la busta paga possa essere diversa anche sulla nuova isola dello smart working, intanto noi mettiamo la lente d’ingrandimento su quella del nostro Paese, che cambierà a breve. Ebbene le principali novità riguardano le detrazioni fiscali per i carichi familiari.

In particolare, l’abolizione di queste, che però sembra, possano essere recuperate con l’assegno unico ed universale per i figli fino a 21 anni. In pratica, ora tutto è legato alla domanda per l’assegno unico, che si presenta all’INPS. Ma come mai questo bizzarro cambio di rotta?

Busta paga da marzo 2022: niente detrazioni per i carichi familiari

Moltissimi lavoratori dipendenti potrebbero risultare scontenti, con questo assorbimento delle detrazioni per i carichi familiari, in assegno unico, con i primi accrediti tra l’altro, che non avverrebbero prima della primavera del 2022. Ricapitolando, le somme non detratte in busta paga, le ritroveremo all’interno dell’assegno pensato dall’INPS. Un assegno che già di suo, ha inglobato diversi incentivi ormai scomparsi, come il Bonus mamma domani, Bonus bebè e quello per l’asilo nido.

D’altra parte era stato annunciato che con l’avvento del nuovo anno, tantissime cose sarebbero cambiate e così è stato. Non solo buste paga, ma anche i requisiti per il Reddito di Cittadinanza cambiano, insieme a tanti altri aspetti legati al Fisco. E da marzo 2022, si stima che le nuove buste paga verranno consegnate ad una cifra pari a più di 8 milioni di lavoratori dipendenti. Da calcolare però anche che l’assegno unico ed universale non tocca solo a chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato, ma coinvolge anche pensionati che hanno figli e cittadini con un lavoro autonomo, più quei contribuenti con figli fino a 21 anni.

Leggi anche>>> Dichiarazione dei redditi, tutte le novità del 2022: scoprile con questi moduli

Andando quindi più a fondo nel discorso, non possiamo effettivamente parlare di una sottrazione delle detrazioni fiscali per i carichi familiari. Anche perché dalla busta paga usciranno come detto, le detrazioni per figli, e però altre detrazioni fiscali ad esempio quella interessante il coniuge eventualmente a carico, non spariranno ma semplicemente porteranno ad un eventuale ricalcolo, con delle nuove modalità.