Fare un bonifico senza avere il conto corrente? Si può: ecco come

Si può effettuare un bonifico, senza disporre necessariamente di un conto corrente? Vi sembrerà strano, ma la risposta è ‘Sì’.

Fonte foto: Pixabay
Fonte foto: Pixabay

Il bonifico è uno dei metodi di pagamento più sicuri. Non molti lo sanno, ma ad esempio qualora ne sbagliassimo uno, c’è anche un metodo veloce per riavere indietro i soldi, e generalmente avviene grazie ai servizi delle banche o anche delle poste. Per inviarlo, abbiamo bisogno dell’Iban del destinatario, ma ciò che non tutti sanno è che non necessitiamo di un contro corrente, per poterne emettere uno.

Infatti, un bonifico senza conto corrente non è impossibile, anche se i modi per riuscirci sono praticamente soltanto due. Vale a dire, portandosi presso un istituto di credito e anche se non si possiede un conto, versando il danaro allo sportello, chiedendo poi che esso possa essere trasferito tramite bonifico. Questo metodo, è detto bonifico per cassa. Oppure, pagando con una carta prepagata provvista di codice Iban.

Le opzioni di bonifico senza il conto corrente

Grazie al supporto di laleggepertutti.it, adesso capiremo anche in che modo mettere in pratica una delle due funzioni. Ovviamente, a seconda dei casi, potremmo anche di volta in volta scegliere di usarle entrambe. Partiamo da quello meno complicato, per chi preferisce non adoperare materiale per pagare telematicamente, il bonifico per cassa. Basta andare fisicamente in banca o in posta, chiedendo allo sportello di effettuare un bonifico. Sarà ovviamente necessario aver portato con sé i contanti. A proposito di contanti, ecco come si risulta evasori fiscali, da gennaio 2022. Basta un semplice errore.

Continuando col nostro bonifico, l’impiegato ci chiederà di compilare un modulo. Qui, indicheremo le generalità di chi effettua il pagamento, quelle del beneficiario, l’Iban sempre del beneficiario, importo e causale, ovvero il motivo per cui sta avvenendo quel pagamento. Oltre ai soldi precisi del bonifico, ricordiamo che l’istituto chiederà certamente una commissione, dopodiché ci verrà consegnata la ricevuta, detta distinta di pagamento.

Leggi anche>>> Matrimonio: è legale fare il regalo con la ‘busta’? Dipende…

Seconda opzione, usare la carta prepagata adatta. Effettivamente è molto più facile, basta possederne una e ricaricarla. In quel caso, avremo tre possibilità per portare a termine ciò che vogliamo fare, ovvero:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • Recandoci all’istituto di credito che ha emesso la carta prepagata, portando con sé la tessera e chiedere di effettuare un bonifico allo sportello;
  • Effettuando l’operazione online, tramite accesso nella propria pagina personale. Nel caso di bonifico con carta Postepay Evolution, basta effettuare il login sul sito delle Poste Italiane, aprire il menu a tendina, cliccare su Ricariche e pagamenti e selezionare la voce ‘Bonifico Sepa’. La commissione per quest’opzione, è di un solo euro;
  • O ancora, effettuando il pagamento direttamente da smartphone o tablet mediante apposita App, grazie ad una procedura praticamente uguale a quella del bonifico online.