Falla nella rete 4G, pericolo per i clienti delle più grandi compagnie: massima allerta

Rete 4G, pericolo per i clienti TIM, Vodafone e WindTre per una falla che mette a rischio la privacy. Il consiglio è non utilizzare la rete, ma capiamo meglio qual è l’allerta.

rete 4G pericolo hacker
Adobe Stock

La rete 4G mette in pericolo i clienti delle compagnie telefoniche? La domanda è lecita da quando è stata scoperta una falla nel sistema che renderebbe accessibili dati personali degli utenti. Si tratta di una notizia fondata oppure l’allerta è volta a spingere le persone ad abbandonare il 4G per dedicarsi al 5G? Tanti dubbi e quesiti confondono i clienti TIM, Vodafone e WindTre che sono preoccupati per un’eventuale violazione della privacy.

Rete 4G, il pericolo è reale?

Dal 2010 siamo abituati ad utilizzare la Rete 4G per navigare su internet ed effettuare chiamate tramite device. Quasi dodici anni di conoscenza quando ad un certo punto viene annunciata una falla nei protocolli di sicurezza. E’ subito allerta per la privacy dei clienti delle compagnie telefoniche.

La coincidenza tra l’avviso di pericolo della rete 4G e l’entrata in scena del 5G, supporto del presente e del futuro, fa nascere dei dubbi circa la legittimità dell’allerta. Eppure il 5G sta avanzando molto lentamente soprattutto in Italia e, dunque, l’ipotesi è di un utilizzo delle rete 4G ancora per parecchi anni. L’attenzione verso i problemi di privacy deve rimanere, quindi, molto alta.

Leggi anche >>> Accessori anti-5G, il pericolo dietro l’angolo: gravi rischi per la salute

Falla nei protocolli di sicurezza, cosa comporta

La falla nei protocolli di sicurezza crea seri problemi a livello di privacy dei clienti delle compagnie telefoniche. Attraverso questa falla, infatti, hacker e cyber criminali possono avere facile accesso ai dati degli utenti. La non corretta comunicazione tra host e provider permette un’intromissione durante il tragitto delle informazioni che si spostano da un punto all’altro. I malintenzionati riescono, così, a rubare i dati in entrata e in uscita per utilizzarli a proprio piacimento.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Gli attacchi che gli hacker possono mettere in atto sono di tre tipi. Torpedo per intercettare chiamate ed sms e bloccarli o clonarli. Succede quando, ad esempio, arrivano a nostro nome dei messaggi contenenti virus ai contatti della rubrica. Piercer è l’attacco che viola la lista delle chiamate e dei messaggi al fine di conoscere l’identificativo IMSI della vittima. IMS-Cracking consente di craccare l’identificativo IMSI per effettuare chiamate, inviare sms o leggere dati senza che l’utente ne sia a conoscenza.